Covid, rotto l'argine della pandemia

Sestili, rapporto fra positivi e tamponi superiore a 3. "Moltissimi casi sfuggono"

Enrica Battifoglia

In Italia si e' ormai rotto quello che gli esperti hanno definito "l'argine" della pandemia, ossia il valore soglia del 3% che indica il rapporto fra casi positivi e tamponi fatti. Lo ha detto all'ANSA il fisico Giorgio Sestili, fondatore e fra i curatori della pagina Facebook "Coronavirus: Dati e analisi scientifiche". Il superamento di questo valore spiega l'impennata dei casi che si e' registrata il 7 ottobre. Oggi i casi sono aumentati oltrepassando la soglia dei 4.400 con 120mila tamponi effettuati.

calcolare il valore-argine del 3% era stato nella scorsa primavera lo scrittore e ingegnere Thomas Pueyo in un articolo diventato virale e da allora questa soglia ha trovato un grande consenso anche nel mondo scientifico. "E' un valore che indica che l'obiettivo e' fare tanti tamponi e trovare pochi positivi", osserva Sestili. BR>
In agosto il rapporto fra casi positivi e test era appena superiore a 1, ha proseguito il fisico, ma adesso siamo oltre il 4%: "questo significa che si e' rotto l'argine e che ormai ci perdiamo moltissimi casi". E' un valore superiore alla soglia, ma inferiore a quello riscontrato per esempio nell'aprile 2020, quando il rapporto fra casi testati e tamponi era di circa il 10%. BR>
In generale, prosegue l'esperto, si puo' dire che finche' il rapporto e' basso, i casi testati sono quasi tutti quelli reali, come e' accaduto in estate. Se invece il rapporto sale i casi cominciano a sfuggire: i test non riescono a raggiungerli tutti e quelli che sfuggono continuano a diffondere l'infezione. BR>
Il superamento del valore soglia del 3%, conclude, "giustifica il salto in alto di ieri: nel momento in cui si e' rotto l'argine dobbiamo aspettarci un aumento dei casi, il cui numero continuera' probabilmente a crescere nelle prossime settimane".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA