Il lockdown ha evitato 3,1 milioni morti in 11 Paesi Ue

Stima dell'Imperial College di Londra, in Italia 2,7 milioni di infezioni

Redazione ANSA

Il lockdown dovuto alla pandemia di Covid-19 è riuscito a evitare almeno 3,1 milioni di morti in 11 Paesi europei, compresa l'Italia. Negli stessi Paesi si stima che fra 12 e 15 milioni di individui abbiano contratto il nuovo coronavirus dall'inizio dell'epidemia fino a maggio, pari a una media compresa fra il 3,2% e il 4% della popolazione, con grandi fluttuazioni Paese per Paese. L'Italia si colloca al quarto posto dopo Belgio (8%), Spagna (5,5%) e Gran Bretagna (5,1%) per un totale di oltre 2,7 milioni di persone. Lo indica il modello basato sui dati di 11 Paesi, compresa l'Italia, pubblicato sulla rivista Nature dal gruppo dell'Imperial College di Londra guidato da Seth Flaxman e Samir Bhatt.

La stima dei decessi evitati grazie al lockdown deriva dal confronto tra le morti osservate e quelle previste dal modello in assenza di interventi di contenimento e l'indice Rt, che indica il numero di persone che possono essere contagiate da chi ha l'infezione si è ridotto sotto 1, con una decrescita media dell'82%, anche in questo caso con valori variabili a seconda dei Paesi.

Secondo gli autori della ricercar una delle limitazioni del modello è nell'assunzione che ogni misura abbia avuto lo stesso effetto in tutti i Paesi, mentre in realtà ci sono state variazioni notevole nel modo in cui sono state applicate. Complessivamente, comunque, il lockdown è stato un successo in tutta l'Europa e ovunque le misure di contenimento adottate nel periodo compreso fra il 2 e il 29 marzo hanno ridotto i livelli di trasmissione del virus SarCoV2 a un livello tale da consentire il controllo dell'epidemia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA