Coronavirus, i guanti importanti come le mascherine

Un modello indica che il contagio avviene soprattutto per contatto

Redazione ANSA

I guanti e la pulizia delle mani sono importanti quanto le mascherine per evitare il contagio da nuovo coronavirus. Il contatto, diretto o tramite le superfici, è infatti il modo principale di trasmissione del virus, più efficace delle goccioline di saliva sospese nell'aria, secondo il modello matematico elaborato dall'Istituto israeliano di ricerca biologica, pubblicato sul sito medRxiv in attesa di revisione scientifica.

I virus respiratori come il SarsCov2 si diffondono per contatto o attraverso le goccioline prodotte con tosse o starnuti, che possono trasportare le particelle del virus fino a 2 metri. In questo caso i ricercatori, guidati da Eyal Fattal, hanno calcolato che tra il 60% e 80% delle particelle virali si trasmettono per contatto diretto e dal 20% al 40% attraverso il contatto con le superfici, mentre la trasmissione attraverso l'aria, sia con goccioline che aerosol, conterebbe per meno dell'1%. Quindi, sulla base dei dati disponibili, il contatto diretto è il meccanismo dominante dell'infezione.

Ciò è coerente, secondo i ricercatori, con gli altri studi che hanno analizzato campioni di aria prelevati in ambienti in cui si trovavano pazienti sintomatici con la Covid-19, ottenendo risultati negativi per tutti i campioni d'aria. Nello studio è stato analizzato anche il periodo contagioso dei pazienti pre-sintomatici, scoprendo che inizia circa 30 ore prima della comparsa dei sintomi.

Come misure di protezione per evitare il contagio, secondo i ricercatori, la combinazione di frequenti lavaggi di mani, pulizia delle superfici ed evitare il contatto fisico è efficace come indossare guanti e mascherina. Il fatto che il contatto sia la principale via di contagio pre-sintomatica, conclude lo studio, suggerisce che le misure igieniche e comportamentali consigliate a livello pubblico dovrebbero concentrarsi sul ridurre la contaminazione delle mani o sul non toccare il viso con le mani.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA