Squame e denti hanno un'origine comune

Derivano dallo scheletro esterno di vertebrati estinti

Redazione ANSA

Hanno un'origine comune i denti dei mammiferi e le squame di alcune specie di pesci, come squali e le razze, con lo scheletro fatto di cartilagine: ad accomunarli sono i resti dello scheletro esterno di vertebrati estinti, vissuti circa 400 milioni di anni fa. E' quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista dell'Accademia dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas).

Per dimostrare le origini evolutive comuni di queste strutture, un gruppo di ricerca dell'universita'à britannica di Cambridge ha marcato con traccianti fluorescenti le cellule embrionali delle razze per monitorarne lo sviluppo. Ha cosi' scoperto che le future cellule della pelle di questi pesci cartilaginei "si sono evolute a partire dalle stesse strutture embrionali che nei mammiferi danno origine ai denti: le 'creste neurali'", ha spiegato Andrew Gillis, uno dei coordinatori del gruppo di Cambridge.

Se ingrandita al microscopio, infatti, la pelle di razze e squali mostra file di strutture appuntite, molto simili a denti in miniatura. Per Gillis, "le squame della maggior parte dei pesci viventi sono molto differenti da quelle dei pesci cartilaginei, piu' primitivi. Basta accarezzare la pelle di uno squalo - ha sottolineato il ricercatore - per sentire che e' piu' ruvida, perche'é interamente coperta da 'dentelli'".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA