/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Un software mette alla prova l'AI per scoprire quante cose sa

Un software mette alla prova l'AI per scoprire quante cose sa

Per garantire un uso sicuro e affidabile

05 aprile 2023, 10:17

Redazione ANSA

ANSACheck

Un software mette sotto esame l 'AI (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un software mette sotto esame l 'AI (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un software mette sotto esame l 'AI (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli esami non finiscono mai, anche per l'intelligenza artificiale: è stato infatti sviluppato un software capace di verificare la quantità di informazioni raccolte da un sistema di AI dalla banca dati di un'organizzazione, in modo da capire se ha imparato abbastanza per collaborare o se ha attinto troppo mettendo a rischio dati sensibili. Il sistema è stato presentato dai ricercatori dell'Università del Surrey in Gran Bretagna in occasione dell'International Symposium on Formal Methods che si è svolto in Germania, a Lubecca.

Secondo gli sviluppatori, il software potrebbe essere usato nell'ambito del protocollo di sicurezza online delle aziende che impiegano l'AI, per garantirne un uso sicuro e affidabile. Il software è anche in grado di scoprire se l'AI ha individuato delle falle nei codici informatici e se ha la capacità di sfruttarli: nell'ambito del gioco online, per esempio, potrebbe svelare se l'AI ha imparato a vincere sempre approfittando di una falla nel codice.

"Negli ultimi mesi c'è stato un interesse crescente da parte del pubblico e dell'industria nei confronti dei modelli di intelligenza artificiale generativa alimentati dai progressi dei grandi modelli di linguaggio come ChatGPT", afferma Adrian Hilton, che all'Università del Surrey dirige l'Istituto per l'AI centrata sulle persone. "La creazione di strumenti in grado di verificare le prestazioni dell'AI generativa è essenziale per sostenere la loro implementazione sicura e responsabile. Questa ricerca è un passo importante verso il mantenimento della privacy e dell'integrità dei dati utilizzati nell'addestramento".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza