/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Un microscopico sandwich riesce a controllare la luce

Un microscopico sandwich riesce a controllare la luce

Funziona a temperatura ambiente, utile per i laser del futuro

06 giugno 2024, 09:14

di Leonardo De Cosmo

ANSACheck

Controllare la luce con un microscopico sandwich (fonte: Rensselaer Polytechnic Institute) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Realizzato un minuscolo ‘sandwich’ dello spessore di un capello capace di controllare il movimento delle particelle di luce a temperatura ambiente. A descrivere su Nature Nanotechnology questo nuovo strumento, che potrà aiutare a studiare l’interazione fra luce e materia e a realizzare nuovi laser, è stato il gruppo di ricerca dell’Istituto politecnico Rensselaer a New York, guidato da Wei Bao.

Il nuovo dispositivo è un cosiddetto isolante topologico fotonico, che fa parte di una famiglia di materiali capaci di guidare particelle di luce, i fotoni, ma senza interagire con esse, eliminando in questo modo il rischio di modificarne le proprietà. “L’isolante topologico fotonico che abbiamo creato è unico – ha detto Bao – perché funziona a temperatura ambiente. Questo è un grande progresso. In precedenza, si poteva studiare questo regime solo utilizzando apparecchiature grandi e costose che superraffreddano la materia nel vuoto”.

Una semplificazione importante che rende questo tipo di dispositivo facilmente disponibile anche ai gruppi di ricerca che non dispongono di strumentazioni costose. Per realizzarlo i ricercatori hanno ottenuto sottilissimi fogli di un materiale chiamato perovskite alogenuro e li hanno inseriti tra altri sottilissimi fogli di materiali conduttori, formando una sorta sandwich spesso appena 2 micron e lungo 100 (lo stesso spessore di un capello). Il tutto usando apparecchiature già utilizzate nell’industria dei superconduttori per realizzare i tradizionali microchip. Il nuovo dispositivo potrà essere ora usato per migliorare il controllo dei fotoni, per applicazioni quantistiche, ma anche per migliorare la miniaturizzazione dei laser e soprattutto ridurne di molto il consumo di energia.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza