Come vivere pienamente, secondo il medico degli astronauti

Il coaching della salute nel nuovo libro di Filippo Ongaro

Redazione ANSA ROMA

La felicità non è uno stato ma un'abitudine, ognuno di noi può fare la differenza, evita chi succhia il tuo tempo e la tua positività: sono solo alcune degli argomenti del nuovo libro "Vivere a pieno" di Filippo Ongaro, direttore dell'Istituto di medicina rigenerativa e anti-aging. Ongaro fornisce strumenti, riflessioni ed esercizi quotidiani per potenziare la salute e far raggiungere un grado più elevato di soddisfazione personale, benessere e prestazione psico-fisica. A lungo medico degli astronauti all'Agenzia spaziale europea e famoso anche per aver sviluppato il programma nutrizionale di Samantha Cristoforetti, nel libro dichiara la sua filosofia: "Una vita, un'opportunità. Non sprecarla. Impara a viverla a pieno". Ma tra il dire e il fare.... e allora spiega perchè non è così semplice vivere pienamente: "Siamo dominati dalla fretta, dal multitasking, dalla pressione costante di notizie negative, le nostre reazioni emotive non possono che essere tendenti all'ansia, alla negatività e perfino al panico.
   

Siamo spugne da piccoli e da adulti". E tuttavia, continua: "possiamo adattare la nostra risposta e imparare a modulare il risultato finale rispetto all'ambiente a cui siamo esposti.
    Questa modulazione non avviene per caso, si realizza solo se siamo in grado di portare a termine un lavoro su noi stessi". Sfruttando l'esperienza di medico, la formazione come coach e il lavoro nel mondo dell'alta prestazione, Ongaro dà vita con questo libro a una disciplina nuova: il coaching della salute.
    Un approccio che usa da tempo nella pratica clinica e che unisce le strategie di cambiamento personale tipiche del coaching strategico con le conoscenze scientifiche di neuroscienze e psicologia dei comportamenti. "Allacciati le cinture e preparati a un percorso entusiasmante alla scoperta di te stesso. A trarne beneficio non sarà solo la salute, ma il tuo benessere complessivo", conclude l'autore. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA