Sanità: Sant'Anna Hospital riprende l'attività chirurgica (2)

Redazione ANSA CATANZARO

(ANSA) - CATANZARO, 04 DIC - "Alla luce dei numeri delle emergenze - ha spiegato il direttore sanitario Antonio Soccorso Capomolla - la nostra esigenza è quella di far ripartire il Sant'Anna con i suoi numeri e le sue performance, perché alla luce dei numeri è chiaro che c'è un bisogno sanitario che deve essere soddisfatto che parla una forte mobilità passiva per la Calabria. Per quanto riguarda la rete emergenza urgenza Calabria proprio nell'area centrale potremmo avere un ruolo importante per offrire un servizio all'utenza perché abbiamo tutta l'organizzazione. Questo rappresenterebbe una maggiore sicurezza per quanto riguarda la salute dei calabresi, ma anche per dare una nuova Sanità alla Calabria".
    All'incontro erano presenti anche tutti i professionisti dell'area medica cardiologica tra cui Riccardo Cappato, nuovo componente dell'equipe, tra i massimi esperti nel trattamento della fibrillazione atriale, e Daniele Maselli, direttore della cardiochirurgia, che in questi dieci mesi di chiusura ha effettuato circa 200 interventi fuori regione di pazienti calabresi.
    "In tutte le altre regioni - ha spiegato Maselli - gli ospedali privati sono integrati nella rete ospedaliera e delle emergenze. Si tratta di una ottimizzazione dei servizi sul territorio. I pazienti hanno bisogno di certezze in pochi minuti e non possono vagare quando si tratta di emergenze cardiovascolari, perché non si sa quali sono i passaggi. Un governo illuminato ai primi passi come quello calabrese, non può non fare questo raccordo nella rete". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA