Covid: Regioni in pressing sul green pass. Sileri: 'Valutare lockdown per non vaccinati in zone arancioni'

Il sottosegretario alla Salute: 'Con i numeri odierni non da attuare, sul tavolo con altre opzioni'

Redazione ANSA ROMA

Un green pass 'rafforzato', solo per i vaccinati e per le attività ricreative nelle regioni che cambieranno colore. In modo che le restrizioni previste - ancora tenui in giallo, ma pesanti già in arancione - non gravino su chi ha fatto l'iniezione. Tutto come prima, invece, per il mondo del lavoro, con il certificato verde rilasciato a vaccinati, guariti e chi ha un tampone negativo. E' la proposta cui cercano di aggregare consenso i governatori che domani si vedranno e porteranno la loro posizione all'attenzione del Governo alla Conferenza Stato-Regioni convocata dal ministro Mariastella Gelmini. Quest'ultima apre: "se la situazione dovesse peggiorare nelle prossime settimane, nei prossimi mesi - dice interpellata dall'ANSA - credo che dovremmo tenere in seria considerazione le istanze delle Regioni".

Intanto, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ipotizza in caso di aggravamento della situazione lockdown per i non vaccinati in zona arancione.

"Lockdown per non vaccinati? Non è la strategia da attuare con i numeri odierni, può essere valutata  - ha detto a Radio Cusano Campus - in caso di passaggio in zona arancione". 

"Non è la strategia da attuare con i numeri odierni - ha affermato Sileri -. C'è qualche area del Paese che rischia di finire in zona gialla, ma questa non prevede grosse restrizioni, quindi al momento non vi è motivo di fare restrizioni per i non vaccinati. Va tenuta sul tavolo, come tante altre opzioni, ma la situazione, e' sotto controllo". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA