Covid: 6.032 positivi, picco di vittime, sono 68

Tasso di positività allo 0,9%%, +6 terapie intensive

Redazione ANSA ROMA

Sono 6.032 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 4.197. Sono invece 68 le vittime in un giorno, un picco per le ultime settimane. Ieri erano stati 38.

Sono 645.689 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 249.115. Il tasso di positività è allo 0,9%, in calo rispetto all'1,7% di ieri. Sono invece 421 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 6 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 52 (ieri 35). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.436, ovvero 74 in più rispetto a ieri.

Tornano sopra quota centomila gli attualmente positivi al Covid in Italia, sono 100.205 secondo i dati del ministero della Salute, 1.430 in più nelle ultime 24 ore. Dall'inizio della pandemia i casi totali sono 4.818.705, i morti 132.491. I dimessi e i guariti sono invece 4.586.009, con un incremento di 4.613 rispetto a ieri.

Il monitoraggio Agenas

Dopo settimane di stabilità, torna a risalire in Italia la percentuale di posti di terapia intensiva occupati da pazienti Covid, passando dal 4 al 5%. In particolare, sale in Friuli Venezia Giulia, dove arriva all'11%, raggiungendo le Marche. Entrambe superando quindi la soglia di allerta del 10%, che rappresenta uno dei parametri per il passaggio della Regione in zona Gialla. Salgono anche in Piemonte, dal 3 al 4%, così come in Liguria e in Veneto, dal 4 al 5%. Stabili invece le altre regioni, tra cui spicca la Sicilia, con il 9%. Emerge dal monitoraggio Agenas che confronta i dati dell'8 ottobre, con quelli del giorno precedente. 

A livello nazionale, è stabile al 6% l'occupazione dei posti letto nei reparti ospedalieri di area medica o non critica. Ma la percentuale sale in 7 regioni, anche se nessuna supera la soglia di allerta definita pari al 15%. In particolare la crescita si rileva in Abruzzo, Liguria, Puglia, Toscana (al 6%) così come in Friuli ( al 10%), Provincia Autonoma di Bolzano (al 13%) e Veneto (al 4%). Scende invece in Basilicata (7%) e Valle d'Aosta (8%). Stabile, invece, nelle altre regioni. 

Green pass, il focolaio legato ai cortei di Trieste supera i 200 casi

"L'andamento della pandemia in Alto Adige non è soddisfacente. Guardando i dati è ormai sotto gli occhi di tutti che dove il tasso di vaccinazione è basso ci sono più ricoveri. Abbiamo chiesto a Roma di consentire vantaggi per i vaccinati, come già avviene in alcuni paesi europei con la regola 2-G (vaccinato o guarito, ndr.)". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher, facendo riferimento al 'lockdown' per i no vax in Austria. "La competenza è comunque dello Stato e serve una legge statale", ha aggiunto. "Siamo nel pieno della quarta ondata", ha detto l'assessore alla sanità Thomas Widmann.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA