Di Lorenzo (Irbm),manca 7% dosi Astrazeneca ma reintegreremo

Entro la fine di marzo ne saranno consegnate 5 milioni

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Purtroppo manca il 7%" dei vaccini di Astrazeneca, "la prossima volta cercheremo di rintegrare". A dirlo, facendo il punto sui ritardi nelle consegne dei vaccini, è stato Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato di Irbm Pomezia, ai microfoni della trasmissione L'Italia s'è desta su Radio Cusano Campus.
    "Entro la fine di marzo - ha dichiarato - ci sarà la consegna di 5 milioni di dosi e così sarà. Astrazeneca ha assicurato che nel secondo trimestre dell'anno, il 99% delle dosi sarà quello promesso e ci sarà anche un recupero".
    "Questa storia che non arrivano le dosi è diventata insopportabile", ha sottolineato Di Lorenzo. "Ho cercato di far capire che quando si parla di produzione di vaccino non si parla di produzione di saponette, il vaccino presuppone una cultura cellulare. Quando si semina il grano, uno si aspetta che da quella semina vengano fuori tot quintali di grano, se vengono meno il 7% di quintali con chi se la prende?". Nel caso specifico del vaccino, ha concluso, "quando fai una programmazione, hai uno stock di riserva, ma in questo caso non c'era la possibilità di integrare quel quid che madre Natura non ha consentito di portare a casa". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA