Covid: tra esodo e shopping, il weekend prima del lockdown di Natale

In 24 ore 16.308 casi, 553 vittime. Tasso di positività al 9,2%

Redazione ANSA ROMA

La corsa all'ultimo weekend di shopping prima della zona rossa di Natale ha portato assembramenti un po' in tutte le città italiane, le stesse scene che avevano spaventato esperti e governo nel fine settimana precedente, spingendo a una stretta con diverse deroghe. I contagi e le vittime del Covid sono ancora su cifre preoccupanti, ma un fiume di gente si è riversato in via del Corso a Roma - poi chiusa parzialmente al pari di piazza Navona - come al Vomero a Napoli, a pochi giorni dall'entrata in vigore delle nuove misure del decreto per le festività. L'esodo che si temeva nelle stazioni e sulle autostrade invece non si è verificato, con i controlli straordinari già in funzione. Ma il giorno critico potrebbe essere lunedì prossimo, 21 dicembre, quando non si potrà più spostarsi tra regioni ma sarà sempre consentito tornare alla residenza o al domicilio. Gli italiani in vista del lockdown, tra rosso e arancione, che durerà fino alla Befana, si sono accalcati nelle strade per le compere che in tempi normali venivano distribuite nell'arco di parecchi giorni.

Folla al centro di Roma per lo shopping natalizio. Scattata la chiusura momentanea al traffico pedonale di via del Corso all'altezza di Largo Goldoni per far defluire le persone. Pattuglie della polizia locale a presidio dei ponti del Lungotevere per agevolare il più possibile la circolazione.

Tanta gente ha invaso anche le vie del centro storico di Bologna per l'ultimo sabato di shopping, in vista delle restrizioni natalizie che, da giovedì, riporteranno l'Italia in zona rossa. In via Indipendenza, via Rizzoli, via Farini, le strade intorno a piazza Maggiore, moltissime persone hanno approfittato per comprare i regali, anche se, probabilmente, meno di quella che ci sarebbe stata in un qualunque sabato pre-natalizio. Le strade erano comunque affollate, molte file si sono formate fuori dai negozi più gettonati e, fino alle 18, i bar erano pieni di clienti che hanno approfittato di una delle ultime occasioni per un aperitivo o per un caffè al tavolo. Contrariamente a quanto era stato annunciato non sono stati presi particolari provvedimenti per contingentare le persone, come transenne o filtraggi nelle aree più affollate. Nel pomeriggio l'accesso è stato libero pressoché ovunque, salvi i limiti di clienti nei singoli negozi. Presenti, ma molto discreti, i controlli: vigili urbani, carabinieri e polizia hanno soprattutto cercato di dissuadere le persone dall'assembrarsi e vigilato sul fatto che tutti avessero la mascherina correttamente indossata.

In vista della partenza della zona rossa prenatalizia, i milanesi (e non solo) si sono riversati in centro per comperare i regali e fare un ultimo brindisi con gli amici. Molti i gruppi di ragazzi nella zona di corso Como e anche in piazza Duomo, ma anche coppie e famiglie piene di pacchetti. Pieni anche diversi ristoranti all'ora di pranzo con gruppi di colleghi, o di compagni di scuola e affollati anche i tavoli all'aperto dei bar famosi per l'aperitivo. Code si sono formate davanti a molti negozi: dalla Rinascente, davanti alle vetrine di Natale, che da diversi giorni ha montato delle transenne per differenziare entrate e uscite; ma anche da Gucci e Vuitton in Galleria, dove la polizia locale regola gli ingressi. Qualche breve attesa si è verificata anche in metro, dove per rispettare il contingentamento al 50% della capienza, i tornelli di ingresso alle banchine sono stati chiusi (per alcuni minuti) 150 volte fino alle 16.

E una mattina di caos quella che si è vissuta nel quartiere collinare del Vomero, da sempre luogo preferito per lo shopping da decine di migliaia di napoletani. Strade bloccate, clacson che suonavano all'impazzata, automobilisti alla ricerca disperata di un parcheggio. "Un vero e proprio delirio pre natalizio", commenta una anziana residente, "inaudito in un periodo di pandemia". Ma non solo le automobili hanno affollato le strade del quartiere. L'isola pedonale Scarlatti-Giordano è stata invasa da un vero e proprio fiume umano. Tutti in strada per le ultime compere prima delle festività natalizie prima che si torni in zona rossa dal 24 dicembre. Le vie dello shopping sono state letteralmente prese d'assalto così come il mercatino di Antignano e quello di via De Bustis dove mantenere il distanziamento fisico era praticamente impossibile. File fuori dei negozi, ma anche all'esterno di bar per gustare un caffè, sebbene da asporto, con amici e parenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA