Coronavirus: la storia di Alda, a 97 anni dietro il bancone della farmacia

'Il lavoro è la mia vita,non potrei stare a casa ma sono preoccupata'

Redazione ANSA ROMA

Gentile e riservata a 97 anni, Alda Baroni è ancora tutti i giorni a dispensare medicine dietro al bancone della sua farmacia, anche in tempi di coronavirus. "Il lavoro è la mia vita, e il mio è faro in questi anni è sempre stato l'insegnamento di mio padre, ovvero educazione e gentilezza", spiega con voce squillante la titolare dell'unica farmacia di Chianni, paesino in provincia di Pisa.

   Nata nel 1923, laureatasi nel dopoguerra e farmacista già dal 1948, dopo 72 anni passati in farmacia, in questo momento di emergenza sanitaria potrebbe stare in casa, visto che rientra nelle fasce della popolazione a maggior rischio. Ma a lavoro continua ad andare tutti i giorni, dalla mattina alle 9 alle 13, e dalle 16 alle 20, in compagnia del suo barboncino.

 

"Non potrei restare a casa. Ma certo la situazione mi preoccupa. E mi preoccupa anche la confusione e l'eccesso di informazioni, a volte contraddittorie, che si susseguono sui media. Alle persone che vengono consiglio attenzione e comportamenti di protezione corretti, stili di vita sani. Tutto questo aiuta sempre, soprattutto ora".
   

I ricordi più belli della professione? "Quando in farmacia si facevano ancora le preparazioni galeniche e mi alzavo di notte perché mi chiamavano a casa per le urgenze. Il tesoro che mi porto dentro è il contatto con gli abitanti di Chianni, che in molti casi ho visto crescere e diventare adulti, mettere su famiglia. Per me non sono clienti, sono persone". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA