Coronavirus, Borrelli: 'Oltre 26mila malati, circa tremila decessi'. Arcuri: 'Attrezzarci come per economia di guerra'

Situazione critica in Lombardia e in particolare a Bergamo. Morti due dipendenti delle Poste nel Bergamasco. Santelli chiude comune calabrese.

Redazione ANSA

Serve un' 'economia di guerra' per far fronte all'emergenza coronavirus. Nel giorno del 159esimo anniversario dell'unità d'Italia è il neo commissario Domenico Arcuri a spazzare ogni dubbio e a spiegare, se ancora non fosse chiaro, quanto la situazione sia difficile e complessa e quanto il 'sistema paese' rischi il default, non solo sanitario. Dietro le parole dell'uomo al quale il governo ha concesso ampi poteri di deroga per intervenire su sanità e produzione, ci sono ancora una volta i numeri: la flessione di lunedì nella crescita dei malati che aveva lasciato intravedere un'inversione della curva ha lasciato il posto a dati ben più negativi.

Intanto sono complessivamente 26.062 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a lunedì di 2.989. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 31.506. Il dato è stato fornito dal commissario per l'emergenza Angelo Borrelli. Crescono anche i guariti: sono 2.941.

In 24 ore si sono registrati quindi 2.989 malati in più, il maggior numero dall'inizio dell'emergenza. Non solo: in una settimana, il numero di coloro che hanno contratto il virus è passato da 10.590 a 26.062: significa il 146% in più. Significa che se continua di questo passo tra una settimana supereremo la soglia dei 50mila. Ecco perché le parole di Arcuri sono nette. "Tutti i Paesi devono attrezzare prima possibile un'industria nazionale. Come nelle guerre, dobbiamo produrre prima possibile quello che ci serve. Stiamo riconvertendo sistemi produttivi e importando industrie che ora sono localizzate altrove. Dobbiamo dotare il maggior numero di ospedali di strumenti per le terapie intensive e inondare l'Italia di tutto quello che serve". E in un'economia di guerra è fondamentale il ruolo di tutti. "La solidarietà del nostro sistema mi inorgoglisce e rassicura" premette Arcuri chiedendo però ai cittadini di "capire che devono aiutarci ad evitare ogni contagio, a costo di qualsiasi sacrificio".

E' necessario dunque il massimo rigore nei comportamenti che ciascuno adotta ed è fondamentale, si sottolinea al Viminale, che gli spostamenti siano dettati solo da estrema e comprovata necessità. Cosa che non sembra ancora essere entrata nella testa di tutti visto che, nella sola giornata di lunedì su 172mila persone controllate dalle forze di polizia oltre 8mila erano in giro senza un reale motivo e sono state denunciate. Facendo arrivare a 35mila il numero di chi, da quando l'Italia è 'zona protetta', ha violato le restrizioni o ha dichiarato il falso pur di spostarsi da un luogo all'altro. Lo conferma anche la tecnologia: l'analisi delle celle telefoniche della Lombardia segnala che a muoversi è ancora più del 40% della popolazione della Regione, "Un dato non sufficientemente basso - ha detto il vicepresidente Fabrizio Sala - bisogna stare a casa il più possibile".

Serve ora un nuovo modello che i cittadini devono utilizzare per le autodichiarazioni. E' presente una nuova voce con la quale l'interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall'articolo 1, comma 1, lettera c, del decreto dell'8 marzo 2020 che prescrive il "divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus". Ne dà notizia il Viminale.

 IL NUOVO MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE DA SCARICARE

Bergamo allo stremo - E' stato lo stesso Borrelli a fotografare come difficile la situazione di Bergamo dove non ci sono più posti in terapia intensiva. Un ospedale da campo degli alpini sarà installato nella città ha detto il commissario. Dall'Azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo viene definita "drammatica la situazione del Pronto Soccorso, che lunedì ha registrato 39 ricoveri e 6 trasferimenti all'Istituto Palazzolo e martedì ha visto altrettanti pazienti trasferiti e almeno 40 nuovi ricoverati". I pazienti trasferiti nella giornata di oggi sono stati 15 con sintomi lievi, due dei quali provenienti da San Giovanni Bianco, destinati a strutture socio sanitarie e un paziente intubato inviato fuori provincia. Dopo l'arrivo del personale militare nella giornata di ieri, sono 12 gli operatori della Croce rossa arrivati al Papa Giovanni, di cui 4 infermieri. da settimane".

Sono tutti occupati gli 80 letti di terapia intensiva riservati ai pazienti ricoverati in gravi condizioni per il Coronavirus all'ospedale Papa Giovanni XXII di Bergamo, la zona più colpita dall'epidemia. Per i malati che avranno bisogno di ventilazione ed ossigeno si farà ricorso alla rete delle terapie intensive italiane. Ed è morto a Bergamo il primo medico di famiglia contagiato da Covid-19. Mario Giovita, 65 anni, era stato ricoverato all'ospedale Papa Giovanni XXIII nei giorni scorsi. Le sue condizioni di salute, stando a quanto si è appreso, sono peggiorate rapidamente e il decesso è avvenuto per le complicanze del Coronavirus. A Bergamo i medici di famiglia contagiati sono 100, dicono dalla federazione medici di medicina generale (Fimmg, di cui alcuni in gravi condizioni.

Due lavoratori di Poste Italiane sono morti in provincia di Bergamo a causa del contagio da Covid-19. Lo rende noto Marisa Adobati, componente della segreteria della Slc-Cgil di Bergamo, ricordando che entrambi avevano "lavorato fino a pochi giorni fa, uno in un centro di recapito e l'altro in un ufficio postale di due comuni della provincia di Bergamo. Ora basta, è ora di chiudere gli uffici postali".

Da alcune settimane la Slc-Cgil sostiene "l'inutilità di esporre al contagio i lavoratori di Poste Italiane della bergamasca, ed ovviamente non solo del nostro territorio, e ci viene ripetuto in maniera assillante che Poste deve garantire i servizi essenziali". "Il recapito di un bollettino o la marea di avvisi di mancata consegna delle raccomandate - prosegue il sindacato - non crediamo siano da considerarsi espletamento di servizi essenziali. Molte scadenze fiscali ed invii di notifica sono stati, tra l'altro, sospesi per decreto. Il punto è che, ormai, 'andare in Posta' per molti è diventato il pretesto per fare una 'giustificata' passeggiata in paese".

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato un decreto con il ministro della Salute che obbliga all'autoisolamento, per i 14 giorni successivi, per le persone che rientrano, anche se asintomatiche rispetto al COVID-19. Il dl riguarda chiunque torni in Italia con qualsiasi mezzo di trasporto. Il decreto è in vigore fino al 25 marzo.

La presidente della Regione Calabria Iole Santelli ha disposto la "chiusura" del Comune di Montebello Jonico, in provincia di Reggio Calabria."Ho appena emanato l'ordinanza - ha dichiarato Santelli - una misura che si è resa necessaria a seguito del numero di casi di positività al Coronavirus registrati fra ieri e oggi". Tra le persone risultate positive c'è anche il sindaco del centro reggino Domenico Crea.

La stessa strada era stata seguita dal governatore della Campania Vincenzo De Luca che ha chiuso alcuni comuni, tra cui Ariano Irpino, per l'elevato numero di contagi.

Sta meglio il segretario del Pd Nicola Zingaretti. Lo ha annunciato lui stesso in un video su Facebook.

L'appello video degli infermieri, stremati e in prima linea nonostante i rischi, in questa dura emergenza del coronavirus.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Associate