Coronavirus: neonato positivo al tampone, non è grave. L'esperto: 'Il virus rallenta'

Iss, valutiamo allargamento zona rossa

Redazione ANSA ROMA

L'Iss valuta di allargare la zona rossa sulla base di alcuni criteri epidemiologici, geografici e di fattibilità della misura, ha detto il presidente Brusaferro. Le nuove regole valide per 30 giorni e da applicare in tutta Italia, distanza sicurezza e anziani a casa. Un neonato di 20 giorni è risultato positivo al coronavirus, non è grave. In Italia sono 2.263 i malati, 428 in più di ieri. 79 i morti, 27 in più. 160 guariti. Sono i dati della Protezione Civile. Per gli esperti l'epidemia rallenta. A Milano, due giudici positivi. Sanificati gli uffici del Tribunale e rinviate le udienze non urgenti.

E' un neonato di 20 giorni il piccolo paziente ricoverato all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e risultato positivo al coronavirus. Il bambino "non è in una situazione particolarmente compromessa - ha spiegato l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, durante la conferenza stampa in video collegamento per fare il punto sulla situazione del Coronavirus -. E' ricoverato in patologia neonatale, in isolamento. E' stato disposto un tampone che è positivo, ma il bambino respira autonomamente. E' sotto osservazione ma non in una situazione particolarmente difficile".

Morto Ivo Cilesi fra massimi esperti Alzheimer

C'è un rallentamento nella progressione dei nuovi casi di coronavirus SarsCoV2: i dati resi noti oggi dalla Protezione Civile indicano che "non c'è una crescita fuori controllo" e che si cominciano a evidenziare i risultati positivi delle misure di contenimento adottate finora. E' il commento del fisico teorico Paolo Castorina, della sezione di Catania dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e dell'Università di Catania.

Il nuovo bollettino della Protezione civile: 2.263 malati, 79 morti, 160 le persone guarite.

"Stiamo valutando l'opportunità di estendere la zona rossa sulla base di alcuni criteri epidemiologici, geografici e di fattibilità della misura". Lo ha detto il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro nella conferenza stampa alla protezione civile parlando dell'area del bergamasco. "Stiamo analizzando con la Lombardia con grande attenzione su nuovi casi per comuni della cintura bergamasca - ha aggiunto - e stiamo vedendo con i dati d'incidenza e in base ai tassi di riproduzione del virus".

Due magistrati di Milano
, uno della Sesta sezione civile e l'altro della sezione Misure di prevenzione, sono risultati positivi al Coronavirus e sono ora in isolamento. "Non stanno male" ha precisato il presidente del Tribunale milanese Roberto Bichi, spiegando che ora stanno arrivando le squadre per sanificare gli ambienti da loro frequentati e che una trentina di persone, fra magistrati e personale amministrativo che hanno avuto contatti con loro, andrà in autoisolamento. Sono stati trasportati all'ospedale Sacco.

Sono arrivati in Tribunale a Milano i tecnici che dovranno sanificare aule e uffici al terzo piano e al sesto piano del Palazzo, dopo che due magistrati sono risultati positivi al Coronavirus. Fuori dagli uffici e dalle aule interessate ci sono cartelli che ne segnalano la chiusura e il fatto che le udienze delle due sezioni coinvolte (la sesta civile al sesto piano e la sezione misure di prevenzione al terzo piano) sono state rinviate. "Stanno evacuando il sesto piano del Tribunale, due casi fra i giudici - ha scritto l'avvocato Mirko Mazzali su Facebook -. Teniamolo pure aperto il Tribunale per fare udienze che possono benissimo farsi fra un paio di mesi senza che succeda nulla. Si devono fare solo le udienze urgenti, non è difficile da capire".

Il presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi ha deciso con un provvedimento di sospendere e rinviare a dopo aprile tutte le udienze civili non urgenti, alla luce della "diminuzione delle risorse", ossia del personale, giudici e personale amministrativo, dato che due magistrati sono risultati positivi al Coronavirus e, dunque, tante altre persone devono andare in autoisolamento ed essere monitorate.

Intanto la Rai rende noto che è stato riscontrato un caso di positività al coronavirus tra i dipendenti dell'Azienda. Il dipendente, risultato positivo al primo tampone e attualmente ricoverato all'ospedale Spallanzani in buone condizioni, è stato in trasferta in zona gialla e non ha avuto accesso ai presidi aziendali negli ultimi dieci giorni. 

Sono 5 i nuovi casi sospetti positivi al Coronavirus registrati tra ieri sera e questa mattina in Toscana, in attesa di validazione da parte dell'Istituto superiore di sanità. E' quanto si spiega dalla Regione Toscana in una nota successiva al bollettino diffuso a fine mattinata. Tra i nuovi casi anche un bambino di 10 anni: il piccolo, che sta bene, è figlio del 44enne di Torre del Lago in Versilia (Lucca), caso già convalidato dall'Iss, rientrato con positività da Vo' in Veneto e in isolamento domiciliare senza più febbre. Nell'elenco figura anche la donna ricoverata ieri a Prato, un'italiana di 44 anni che però vive a Firenze, primo caso registrato nel territorio pratese: è sfebbrata e oggi sarà dimessa in isolamento domiciliare. In totale in Toscana sono stati quindi registrati a oggi 18 casi mentre sono 959 persone in isolamento domiciliare di cui 465 prese in carico attraverso i numeri dedicati, attivati da ciascuna Asl. Riguardo agli altri pazienti le condizioni sono complessivamente stabili secondo quanto riferisce la Regione.

E' morto la scorsa notte all'ospedale di Pesaro (Ao Marche Nord) il secondo paziente contagiato dal coronavirus nelle Marche. Si tratta di un 60enne con patologia pregressa. Nella giornata di ieri sono stati rilevati 26 tamponi positivi, di uno, per la prima volta nell'Area Vasta 3 (Macerata), che viene dalle zone a rischio. Salgono quindi a 61 i casi positivi complessivi nelle Marche.

Un'insegnante dell'istituto comprensivo Don Bosco-D'Assisi di Torre del Greco (Napoli) è risultata positiva al tampone sul coronavirus e il sindaco ha chiuso la scuola. La donna, residente a Striano sarebbe risultata positiva ai test effettuati al Cotugno. Il primo cittadino, Giovanni Palomba ha sospeso le attività didattiche nei due plessi di riferimento fino al 6 marzo 2020.

I sindaci di Aradeo, Galatina e Nardò in Salento hanno disposto la chiusura delle scuole per garantire la sanificazione degli ambienti. Si tratta di un provvedimento che segue il caso di positività al coronavirus accertato su un 58enne di Aradeo ricoverato presso l'ospedale di Galatina. Da quanto si apprende l'uomo avrebbe avuto contatti di lavoro in Lombardia, a Milano, da dove sarebbe tornato da poco. La chiusura delle scuole a Nardò deriva dal fatto che un famigliare del 58enne frequenta un istituto scolastico. Anche il sindaco di Galatone, comune confinante con Galatina e Aradeo, ha disposto la chiusura oggi e domani e la sanificazione delle scuole di ogni ordine e grado.

Un'insegnante di Agropoli (Salerno) è risultata positiva al coronavirus e il sindaco ha chiuso la scuola. La donna, una docente di matematica di 57 anni residente nella cittadina cilentana, dove insegna al liceo "Alfonso Gatto", si era recata a Parma dai parenti durante le vacanze di carnevale e non era rientrata a scuola nella mattinata di ieri a causa di una febbre improvvisa. Sottoposta al tampone prima all'ospedale di Vallo della Lucania, la positività era stata confermata dal Cotugno di Napoli. Si attendono ora i risultati delle controanalisi disposti dallo Spallanzani di Roma. Stando alla ricostruzione degli spostamenti dell'insegnante, la donna non avrebbe avuto alcun contatto con gli studenti del liceo, ma in attesa di ricostruire con chiarezza i suoi movimenti ed escludere contatti con docenti e allievi il primo cittadino di Agropoli, Adamo Coppola, ha disposto la chiusura del liceo per i giorni di oggi e domani.

Salgono a sette i contagiati da coronavirus in Puglia. Lo confermano all'ANSA fonti sanitarie regionali. Il Policlinico di Bari, centro di riferimento regionale, ha individuato la positività al virus anche della moglie del militare 29enne barese ricoverato da sabato scorso nel reparto malattie infettive dopo essere rientrato dalla Lombardia, dove lavora. La donna, che dalle prime informazioni lavorerebbe nell'aeroporto di Bergamo, è in isolamento domiciliare. Il 29enne sarebbe rientrato a Bari con un volo Ryanair.

Intanto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio presenta il piano straordinario per il rilancio del Made in Italy con l'emergenza coronavirus che prevede, tra l'altro, risorse per 716 milioni di euro.

La nuova parola-chiave nell'emergenza coronavirus è ora "droplet". Il termine inglese si può tradurre letteralmente con "gocciolina" ma in realtà indica il criterio di tenersi alla giusta distanza affinché le "goccioline di saliva" che disperdiamo nell'aria, starnutendo e tossendo, ma anche soltanto parlando, non arrivino agli altri.

COSA ACCADE NEL MONDO

TUTTE LE MISURE E I DOCUMENTI UFFICIALI 

LA MAPPA DELLA DIFFUSIONE DEL VIRUS

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Associate