Parkinson, impegno dei familiari per 10 ore al giorno a scapito di lavoro e salute

Rapporto Censis, 76% caregivers è donna, a prendersi cura dei malati mogli e figlie

Redazione ANSA ROMA

Un impegno che dura fino a 10 ore al giorni ininterrottamente, nel 30% dei casi senza alcun aiuto e che per il 79,2% degli interessati ha portato conseguenze sul piano della salute, in termini di sacrificio del proprio tempo libero (55,7%) e delle amicizie (31%), oltre che di problemi nel lavoro (36,9%). E' questo l'identikit dei familiari dei malati di Parkinson - coloro che in qualità di 'caregivers' si prendono appunto cura di questi difficili pazienti - tratteggiato dal primo Rapporto Censis sul ruolo del caregiver nel Parkinson avanzato. Impegnati a tempo pieno, i caregivers sacrificano salute, lavoro e vita privata.


    Mogli e figlie, rileva il Rapporto Censis realizzato con il contributo non condizionato di AbbVie, sono le principali caregiver. Le attività di assistenza alle persone con malattia di Parkinson ricadono infatti in netta prevalenza su caregiver donne: sono il 76,4% rispetto al 23,6% di uomini. L'età media del caregiver è di 59 anni. Particolarmente gravosi sono i compiti di assistenza: i pazienti devono prendere farmaci in media 6,3 volte al giorno e la gestione della terapia farmacologica rappresenta un problema rilevante, perché l'80,8% dei pazienti ha bisogno di aiuto per ricordarsi di prendere i farmaci negli orari giusti. Il 42,4% dei pazienti non è autosufficiente in varie attività quotidiane, come il farsi la doccia, il 29,1% ha difficoltà a muoversi, il 21,7% non riesce a mangiare da solo. Il 69,5% dei caregiver ha iniziato sin dal momento della diagnosi del malato di Parkinson a svolgere le funzioni di assistenza, il 16,2% è diventato caregiver entro 3 anni dalla diagnosi. E se il 44,3% riceve aiuto dagli altri familiari, e il 17,3% da personale pagato per l'assistenza, appena il 2,5% è aiutato da personale pubblico.

Le conseguenze, per chi si prende cura di questi malati, sono sia sul piano fisico sia psicologico: Il 65,3% si sente fisicamente stanco (il 70,1% delle caregiver donne rispetto al 50% degli uomini); il 13,6% delle donne afferma di soffrire di depressione, rispetto al 2,1% degli uomini. Tra le donne è più elevata anche la quota di chi si ammala più spesso (il 12,3% a fronte dell'8,3% degli uomini) e di chi ha dovuto ricorrere a un supporto psicologico (l'8,4%). Dedicarsi all'assistenza comporta anche cambiamenti nella vita lavorativa per il 36,9% dei caregiver, maggiormente per gli uomini (il 41,7% a fronte del 35,5% delle donne).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA