Ricciardi (Iss), ogni 3mila casi di morbillo un morto

"Scienza inesorabile nella sua capacità predittiva"

Redazione ANSA ROMA

"La scienza è inesorabile nella sua capacità predittiva". Lo scrive Walter Ricciardi, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, in un tweet a commento della notizia della morte di un bambino per le complicanze del morbillo a Monza.
    "Ogni otto casi di morbillo un'otite - ricorda Ricciardi -, ogni 15 una polmonite, ogni 1500 una encefalite e ogni 3mila un morto". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA