Italiani e igiene orale, 1 su 3 spazzola i denti al contrario

Sidp, problemi alle gengive per 30 mln, solo per 3% cure adeguate

Redazione ANSA ROMA

  Frettolosi, distratti e pasticcioni: gli italiani continuano ad avere lacune informative sull'igiene orale e a sottovalutare l'infiammazione delle gengive. Secondo una ricerca di Top Doctor il 33% non sa che bisogna spazzolare i denti in verticale e non in orizzontale, il 68% li pulisce per meno di due minuti quasi sempre pensando a tutt'altro. Eppure l'infiammazione gengivale riguarda 30 milioni di italiani adulti, ovvero la metà della popolazione, ma appena il 17% riceve la diagnosi e solo il 3% dichiara di essere stato trattato per curare la malattia. Il risultato è un aumento dei casi di parodontite grave e del rischio di perdere elementi dentali: lo sottolineano gli esperti della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), in occasione della Giornata Europea delle gengive sane di domani 12 maggio. Secondo i risultati di un'indagine condotta a inizio 2022 con Key-Stone su circa 1800 persone la stabilizzazione della situazione pandemica grazie alle vaccinazioni gli italiani stanno tornando dal dentista, ma principalmente per motivi estetici. Le procedure di sbiancamento sono cresciute del 24% rispetto al periodo pre-Covid, le richieste di allineatori trasparenti del 130%, le sedute di igiene orale e visite di controllo sono considerate per lo più a fini estetici e non per la prevenzione. Aver trascurato la salute delle gengive ha portato però a un aumento del 7% degli interventi di estrazione dentale a fronte di un numero costante di impianti di protesi, a indicare un numero sempre maggiore di italiani con difficoltà serie dovute alla perdita di denti. "Per eseguire correttamente le manovre di igiene orale - precisa Nicola Marco Sforza, presidente SIdP - è necessario passare almeno 2 minuti a lavarsi i denti; purtroppo la maggior parte delle persone ci mette molto meno e lo fa pensando a tutt'altro. Se non ci si concentra sulle manovre è facile saltare dei punti e non spazzolare bene tutta l'arcata dentale, causando la comparsa della placca batterica, del tartaro e quindi dell'infiammazione gengivale oltre che dell'aumentato rischio di carie dentali". "Serve maggior consapevolezza-aggiunge poi Sforza- anche degli stessi odontoiatri della necessità di effettuare diagnosi precoce e terapia parodontale, oggi più semplicemente, grazie alle Linee Guida europee adattate da SIdP e adottate in Italia con pubblicazione sul sito del Ministero della Salute. Il motto della Giornata Europea è 'Cura le tue gengive',per ricordare che la salute delle gengive non deve essere mai trascurata". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA