Ad agosto aumento mortalità al Sud per picchi ondate calore

Report del Ministero su andamento nelle città italiane

Redazione ANSA ROMA

"A metà agosto si è verificata un'ondata di calore con picchi record di temperature nelle regioni del centro-sud, associabile ad un incremento della mortalità nei gruppi di popolazione più suscettibili" mentre "si evidenzia una mortalità stabile e in linea con l'atteso sia al nord che al centro-sud". E' quanto evidenzia il rapporto del sistema di sorveglianza sull'Andamento della mortalità giornaliera (SiSMG) nelle città italiane aggiornato al 24 agosto 2021 e pubblicato dal Ministero della Salute.

Il rapporto confronta, settimana per settimana, la mortalità (per qualsiasi tipo di causa) in 33 città italiane confrontandola con quella dei 5 anni precedenti. Questo ha permesso di evidenziare l'eccesso di mortalità andata di pari passo alle diverse ondate epidemiche: la prima ondata Covid dal 1 marzo-10 maggio 2020, la seconda nel periodo 1 settembre 2020 - 9 gennaio 2021 e l'incremento più contenuto associato alla terza ondata, da marzo a maggio 2021. "Nell'estate 2021 si osserva una mortalità lievemente più alta dell'atteso che riguarda le città del centro-sud associabile in parte alla quarta ondata epidemica ed in parte alle ondate di calore", si legge.

In particolare, i dati relativi al periodo 1-15 agosto confermano che i valori di mortalità sono inferiori all'atteso al nord (-3%) mentre al centro-sud si osserva un eccesso (+16%), come già sottolineato in parte attribuibile alle ondate di calore che si sono verificate in diverse città delle regioni del sud (Calabria, Puglia e Sicilia) e in particolare a Roma, Bari, Reggio Calabria, Catanzaro e Catania.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA