/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Italia ultima per posti nelle Rsa, ancora troppo poche al Sud

Italia ultima per posti nelle Rsa, ancora troppo poche al Sud

La maggioranza nelle regioni del Nord, e le risorse sono limitate. 

ROMA, 07 luglio 2023, 18:10

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'Italia e ' indietro per l 'assistenza agli anziani - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'Italia e ' indietro per l 'assistenza agli anziani - RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'Italia e ' indietro per l 'assistenza agli anziani - RIPRODUZIONE RISERVATA

   L'Italia è in fondo alla classifica per la capacità di offrire ai propri anziani assistenza a lungo termine. Con appena 19 posti per 1000 abitanti over 65 anni, abbiamo la più bassa disponibilità di strutture residenziali destinate agli anziani. A indicarlo sono i dati del documento Il Servizio sanitario nazionale compie 45 anni, realizzato dall'Ufficio valutazione e impatto del Senato che confronta i nostri numeri con quelli di 7 Paesi: Canada, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti e Svezia.
    La tragedia dell'incendio a Milano ripropone il tema delle strutture per l'assistenza agli anziani mettendo in luce le carenze in un paese sempre più anziano. Le residenze sanitarie assistenziali sono nate in Italia a metà degli anni novanta, e hanno la caratteristica di essere strutture non ospedaliere ma in grado di assicurare assistenza sanitaria alle persone non autosufficienti. Secondo il Gnpl National Register, la banca dati realizzata dal Garante nazionale per la geolocalizzazione delle strutture sociosanitarie assistenziali sul territorio italiano, al 2020 le Rsa in Italia sono 4.629 (contro le 2.475 nel 2007) ed includono sia quelle pubbliche che quelle convenzionate con il pubblico e le private, di cui 2.651 al Nord, 668 al Centro e 493 al Sud, 817 nelle Isole.
    Il dossier riferisce anche che mentre nel nostro Paese stentano a partire le cure domiciliari integrate, il confronto vede l'Italia ultima per disponibilità di risorse (18,8 posti per 1000 abitanti di età pari o superiore a 65 anni) per i posti letto destinati a cure a lungo termine in strutture residenziali: il penultimo posto, con 30 posti, va agli Stati Uniti, mentre la classifica vede in cima la Svezia, con 68 posti letto per 1000 abitanti over65, seguita dai 54 della Germania e dai 51 del Canada.
    In Italia le strutture delle case di riposo possono essere pubbliche o anche convenzionate, e in questo caso le spese sono in parte a carico del Servizio sanitario nazionale e in parte a carico dell'utente o del Comune. Per le case di riposo private, che offrono servizi di accompagno e assistenza ma non offrono cure sanitarie, il costo da pagare è totalmente a carico dell'ospite e le rette variano dai 1.200/1.500 euro fino a cifre che possono superare i 3 mila euro a seconda dei servizi richiesti. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza