Ema, a inizio ottobre parere su terza dose e richiami

La priorità resta 'completare il ciclo vaccinale per chi non lo ha ancora fatto'

Redazione ANSA BRUXELLES

L'Agenzia europea del farmaco (Ema) prenderà posizione sulla necessità di una terza dose di vaccino anti-Covid e anche del richiamo "all'inizio di ottobre". Lo ha detto Marco Cavaleri, responsabile della task force per i vaccini e le terapie Covid-19 dell'Ema. "Gli studi confermano che la terza dose aiuta nei casi di pazienti immunodepressi", ha detto Cavaleri, e che "gli effetti di immunizzazione declinano nel tempo". La priorità per la salute pubblica, però, resta "completare il ciclo vaccinale per chi non lo ha ancora fatto".

"Ad oggi - ha aggiunto Cavaleri - non è stata ricevuta alcuna richiesta di estensione dell'indicazione per un vaccino Covid-19 nei bambini di età inferiore ai 12 anni. L'Ema prevede che Pfizer presenterà i dati sui bambini di età compresa tra 5 e 11 anni all'inizio di ottobre e che i dati di Moderna saranno ricevuti all'inizio di novembre".

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA