Covid in forma lieve, sintomi persistono 6 mesi in metà casi

Studio, da memoria a fatica, anche in under-30 isolati a casa

Redazione ANSA ROMA

Long Covid per oltre metà degli under 30 che lo hanno avuto in forma lieve, senza necessità di cure in ospedale: lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine che ha riguardato pazienti isolati a casa di 16-30 anni, confrontando dopo la risoluzione dell'infezione i loro sintomi con quelli di pazienti più gravi. Oltre la metà dei giovani isolati a casa - il 52% - ha avuto per almeno sei mesi problemi di vario tipo, da perdita persistente di olfatto e gusto a problemi respiratori, da difficoltà di concentrazione a problemi di memoria e senso di fatica cronica.

Il lavoro è stato condotto da Bjorn Blomberg dell'Università di Bergen in Norvegia ed ha coinvolto in tutto 312 pazienti di cui 65 ricoverati in ospedale, isolati a casa con Covid in forma lieve. È emerso che, indipendentemente dalla gravità dell'infezione, il 61% dell'intero campione aveva a sei mesi dall'infezione una serie di sintomi persistenti. Dei pazienti isolati a casa, il 52% aveva sintomi persistenti a sei mesi dall'infezione, il 13% perdita persistente di olfatto e gusto, un altro 13% problemi cognitivi, l'11% di memoria. L'aspetto più preoccupante è la fatica persistente, sintomatologia che è già nota per essere associata ad altre infezioni virali, come nel caso della mononucleosi, ma che con il Covid sembra manifestarsi a livelli ancora più elevati.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA