Prima mondiale Padova intervento tandem cardiologi-urologi

Operazione multipla per malato carcinoma rene

Redazione ANSA PADOVA

(ANSA) - PADOVA, 11 GIU - E' stato eseguito per la prima volta al mondo all'ospedale di Padova un intervento multiplo combinato di asportazione del tumore renale con chirurgia robotica con impianto di Ecmo artero-venoso per sostenere il cuore durante l'intervento urologico e impianto di un ventricolo artificiale con una innovativa tecnica micro-invasiva per ridurre al minimo le stigmate dell'intervento al paziente sottoposto alla chirurgia urologica sei giori prima. Il paziente è un 70enne con un quadro di insufficienza cardiaca grave.
    L'uomo è stato ricoverato recentemente nella Cardiochirurgia del Centro Gallucci, direttore Prof. Gino Gerosa, per un severo peggioramento del quadro clinico. Da dieci anni era in cura per grave scompenso cardiaco. I clinici hanno valutato l'ipotesi di un trapianto cardiaco o di un impianto di assistenza ventricolare sinistra Vad. Dopo una Tac gli è stata riscontrata una massa tumorale nel rene destro. Immediatamente il caso è stato studiato da un team multidisciplinare dove radiologi, urologi, cardiochirurghi ed anestesisti si sono confrontati per definire l'approccio terapeutico ottimale.
    Il carcinoma renale doveva essere asportato il prima possibile per evitare disseminazioni metastatiche ma allo stesso tempo la grave insufficienza cardiaca rendeva l'intervento urologico proibitivo per l'altissimo rischio di mortalità. I cardiochirurghi hanno impiantato l'Ecmo (sistema di assistenza meccanica al circolo) che ha supportato il cuore permettendo prima di tutto l'intervento urologico robotico; dopodichè si è intervenuti sul cuore impiantando il Vad. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA