Camminare mano nella mano col partner ci rallenta

Non si tende a mettersi al passo con chi è più veloce

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 06 APR - Una camminata lenta, che probabilmente è più un piacere che attività fisica vera e propria. Camminare insieme al partner, specie se mano nella mano, porta ad andare piano. Lo rileva una ricerca della Purdue University, pubblicata sulla rivista Gait & Posture. Lo studio ha esaminato i tempi di percorrenza e le velocità di andatura di 141 persone parte di 72 coppie. I partecipanti avevano un'età compresa tra i 25 e i 79 anni e si sono confrontati con numerosi contesti, inclusi percorsi chiari o pieni di ostacoli, camminando insieme, tenendosi per mano o muovendosi individualmente."Speravamo- evidenzia una delle autrici della ricerca, Libby Richards - che non ci sarebbe stata una riduzione della velocità alla quale i partner camminavano insieme.
    Auspicavamo che i più lenti avrebbero accelerato per eguagliare i più veloci, ma non è stato così. Tuttavia, è importante notare che qualsiasi attività fisica o camminata, indipendentemente dalla velocità, è meglio di niente ".
    Dallo studio è emerso inoltre che se è vero che camminare è una delle attività più facili, le persone tendono a rallentare l'andatura quando invecchiano e potrebbero dover trovare altre routine di fitness per rimanere attive. "La camminata lenta -avverte però Shirley Rietdyk, altra autrice dello studio -non va intesa come un aspetto inevitabile dell'invecchiamento. Gli anziani che camminano più lentamente tendono ad avere una salute peggiore". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA