Cina, defibrillatori automatici nelle strade di varie città

Cinesi fanno conoscenza dei dispositivi salvavita Dae

Redazione ANSA

Sebbene i defibrillatori cardiaci automatici esterni (Dae) nelle strade siano ancora sconosciuti a molti cinesi, la rapida diffusione di tali dispositivi salvavita nelle principali città cinesi sta già facendo la differenza tra la vita e la morte. Il 14 dicembre, i Dae hanno fatto notizia a Shenzhen, nel sud della Cina, dove due residenti sono stati rianimati con i dispositivi dopo aver subito un arresto cardiaco improvviso.

A Shenzhen, hub tecnologico nella provincia del Guangdong, alla fine di agosto erano stati impiegati in strada oltre 3.500 dispositivi automatici acquistati dal governo, mentre a Shanghai, nella Cina orientale, il numero di Dae accessibili al pubblico ha superato i 1.600, quadruplicando il 2016.

"La Cina ha il maggior numero di arresti cardiaci improvvisi al mondo, e il tasso di sopravvivenza extra-ospedaliera in questi casi è molto basso", ha detto Wang. Secondo un rapporto sulle malattie cardiovascolari nel 2016, il numero di morti cardiache improvvise è stato stimato di 540.000 ogni anno in Cina, equivalente a una morte al minuto, mentre il tasso di successo dei soccorsi è inferiore all'1%, ha detto Wang Jingfeng, direttore del dipartimento di cardiologia del Sun Yat-sen Memorial Hospital.

Destinati all'uso da parte di non addetti ai lavori, i defibrillatori nelle strade possono diagnosticare automaticamente il ritmo cardiaco ed erogare una scossa se necessario. Possono aumentare il tasso di salvataggio fino al 90% se il paziente viene defibrillato entro i cosiddetti "quattro minuti d'oro". (AFP-XINHUA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA