Cuore, età biologica è diversa da quella cronologica

Studio Università Padova, "sì a donazioni anche sopra 65 anni"

Redazione ANSA PADOVA

(ANSA) - PADOVA, 01 LUG - Ricercatori dell'Università di Padova hanno dimostrato che l'età biologica dei tessuti cardiaci è più giovane della loro età cronologica, e che quindi il limite di età per i donatori potrebbe essere esteso perché non riflette la reale età e il reale stato biologico del cuore. Lo studio è stato pubblicato su "Scientific Reports".
    "Abbiamo scoperto che l'età biologica di entrambi i tessuti atriali (destro e sinistro) è molto più giovane rispetto all'età cronologica di ben 12 anni, mentre l'età biologica del sangue è molto simile all'età cronologica - spiega la prof.ssa Pavanello, direttrice laboratorio di Genomica e Mutagenesi Ambientale - Abbiamo così dimostrato che l'età biologica del cuore non riflette l'età cronologica del donatore. Inoltre, non esistono differenze significative tra atrio destro e sinistro, suggerendo che, sebbene anatomicamente diverse ed esposti a diverse condizioni fisiologiche, le diverse aree del cuore hanno la stessa età epigenetica non mitotica.
    L'età biologica del cuore è anche circa 10 anni più giovane rispetto a quella del sangue. Ciò suggerirebbe che il sangue è più suscettibile ai cambiamenti epigenetici indotti dall'interazione dell'avanzare dell'età e dei fattori ambientali rispetto al cuore". "Lo studio apre la strada a nuove linee di ricerca clinica e di base nel campo del trapianto di organi - continua il professor Gerosa, direttore Cardiochirurgia Azienda ospedaliera - Nell'era attuale, la carenza di organi non consente a tutti i pazienti affetti da insufficienza cardiaca terminale di avere accesso a un trapianto di cuore, che rimane a tutt'oggi la miglior risposta terapeutica. Già oggi si usano donatori di età compresa fino a 65 anni ma se vogliamo offrire l'opzione trapianto di cuore anche ai pazienti over 70 dobbiamo cominciare ad utilizzare i cuori di donatori di età superiore ai 65 anni. Fino ad oggi, non era stato provato che l'età biologica del cuore potesse essere diversa dall' età cronologica dei donatori". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA