Diabete: una nuova cura settimanale potrà aiutare i pazienti

Studio in fase 2 dimostra gli effetti di una insulina basale

Redazione ANSA ROMA

Un nuovo tipo di iniezione di insulina basale, una volta alla settimana, può essere uno dei futuri trattamenti della lotta al diabete. Infatti, può portare a un tasso inferiore di ipoglicemia rispetto all'insulina basale fatta ogni giorno A dirlo è uno studio condotto in fase 2 e presentato nel corso di Endo 2021, l'incontro annuale della Endocrine Society.Nel lavoro è stato usato un farmaco sperimentale chiamato Bif (insulina basale Fc) confrontandolo l'insulina degludec, un'insulina giornaliera di lunga durata che è disponibile in commercio.

 "Il numero ridotto di iniezioni di insulina settimanale può migliorare l'aderenza alla terapia insulinica, ciò potrebbe portare a risultati migliori per i pazienti rispetto alle insuline basali giornaliere", ha detto Juan Frias, ricercatore del National Research Institute di Los Angeles che ha condotto l'analisi.

 Il dosaggio una volta alla settimana può anche aumentare la volontà dei pazienti con diabete di tipo 2 di iniziare la terapia con insulina quando i farmaci orali da soli non danno più un adeguato controllo della glicemia. Rispetto all'insulina degludec, i pazienti che assumevano Bif hanno ottenuto un simile controllo glicemico a lungo termine. Inoltre, l'uso di Bif ha portato a tassi di ipoglicemia significativamente inferiori o, comunque, bassi livelli di zucchero nel sangue (meno di 70 mg/dl). (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA