Hyundai Bayon, al via la produzione in Turchia

È il più piccolo di gamma SUV della casa coreana

Redazione ANSA MILANO

Parte dalla Turchia la nuova strada di Bayon. Hyundai ha infatti annunciato l'avvio della produzione del nuovo modello, pensato e realizzato proprio per le strade d'Europa, nel proprio stabilimento di Izmit, in Turchia. Il nome del nuovo arrivato in casa Hyundai trae ispirazione da un luogo di villeggiatura, ovvero la città di Bayonne, capoluogo dei Paesi Baschi Francesi e famosa meta turistica.
    Con tutte le intenzioni di proporsi come come una novità nel crescente segmento dei SUV europei, Bayon è anche il più recente modello pensato da Hyundai ad interpretare la filosofia di design denominata dai progettisti coreani 'Sensuous Sportiness', definita dall'armonia tra proporzioni, architettura, stile e tecnologia. Questa interpretazione, secondo Hyundai, combina valori emozionali a soluzioni innovative. A distinguere Bayon contribuisce il suo ampio spazio di carico, una tecnologia di connettività avanzata e un'ampia gamma di funzioni intelligenti di sicurezza Hyundai SmartSense. Il SUV, il cui arrivo nelle concessionarie è previsto già per quest'estate, è anche l'ultimo modello dotato di tecnologia Hyundai Mild Hybrid a 48V con cambio manuale intelligente (iMT), per garantire un maggior risparmio di carburante e una migliore efficienza.
    Lo stabilimento scelto per la sua produzione è quello dello Hyundai Assan Otomotiv Sanayi (HAOS), il più longevo di Hyundai al di fuori della Corea e operativo dal 1997. Con quasi 2500 dipendenti, ha una capacità produttiva annuale di 230 mila unità. Lo stabilimento dispone di quattro linee di produzione principali, costituite da pressa, carrozzeria, verniciatura e assemblaggio. Nel 2019, Hyundai ha celebrato il traguardo di due milioni di auto prodotte proprio nello stabilimento turco. Bayon si unirà alle Nuove i20 e i20 N Line, e i10 e i10 N Line sulla linea di produzione. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie