Renault Kangoo, multispazio evoluzione del viaggiare comodi

Ultima generazione offre qualità. e confort degni di suv e wagon

Redazione ANSA MILANO

Quante 'invenzioni' nella storia di Renault. Come R4 ha creato nel dopoguerra l'auto per tutti capace di andare in campagna come in città carica di verdure e vino, ma anche di trasportare in giro per l'Europa una allegra brigata di amici. O ancora come Espace, che grazie ai sedili tutti uguali e girevoli ha inventato la conviviali di una monovolume lounge con cui viaggiare come in business class e sorseggiare un aperitivo durante le soste. E che dire di Scenic, che ha portato in un ambito dimensionalmente 'per tutti' i vantaggi di una grande spaziosità interna. Ora, in questo ambito di 'innovazione' dell'architettura è la volta dell'ultima generazione di Kangoo che, dal debutto nel 1997, non è diventato solo un grande successo nel segmento delle furgonette compatte, ma si è guadagnato - subito imitato dai rivali - una posizione di primo piano nelle multispazio da famiglia o per impieghi misti persone/merci.
    Con questa nuova generazione, Renault Kangoo torna alla ribalta migliorando tutte le funzionalità che ne hanno decretato il successo - come la sua ingegnosità con il pianale piatto e le innovative barre da tetto che lo differenziano dalla concorrenza - ma aggiunge di serie equipaggiamenti di sicurezza e di confort che lo mettono allo stesso livello dei suv e delle wagon di fascia medio alta.
    Il design esterno è stato completamente rivisitato, con una qualità percepita degna di un'autovettura alto di gamma e linee atletiche che gli permettono di "conquistare nuovi clienti - ha detto recentemente Jean-Louis Wiedemann, direttore commerciale furgonette e multispazio del Gruppo Renault - provenienti in particolare dal mondo delle monovolume, e tornare così nella Top 3 in Europa. Nuovo Kangoo registra una crescita del mix, uscendo dal mondo dei veicoli commerciali per ergersi agli standard delle autovetture".
    Lo stile è davvero moderno e appagante: cofano orizzontale nervato, frontale verticalizzato e spalle generose, allestimenti eleganti e tecnologia full Led integrata all'anteriore e al posteriore lo distinguono dal mondo dei veicoli commerciali. Da segnalare anche la raffinatezza dei tanti componenti cromati o in tinta carrozzeria (paraurti, maniglie, binari porte scorrevoli), dei retrovisori in nero lucido e soprattutto dei cerchi in alluminio diamantati Vereste da 17 pollici.
    Come abbiamo avuto modo di apprezzare nel corso della prova nell'hinterland milanese, con una doverosa tappa all'Autodromo di Monza, le sorprese continuano all'interno. Molte le novità, comprese alcune da 'alto di gamma' come l'inedita plancia di legno scuro spazzolato, che esalta il confort dell'abitacolo e la comodità del posto guida più ergonomico e con sedili dalla regolazione più facile e precisa. Il sedile del conducente si è arricchito della regolazione lombare, e il volante ora non è più solo regolabile in altezza, ma anche in profondità. Previsti due tipi di cruscotto: con display digitale a colori da 4,2 pollici e - disponibile da fine 2021 - con display digitale a colori personalizzabile da 7 pollici. A livello di multimedialità sono disponibili il Radio Connect R&Go FM/AM con DAB, Bluetooth e compatibile con la App R&Go per accedere alle funzionalità della radio tramite il telefono. Il sistema Easy Link con Smartphone Replication o navigazione connessa. Il display da 8 pollici è integrato nella plancia. Nella guida, soprattutto extraurbana, si apprezza anche il lavoro fatto per migliorare l'insonorizzazione con uno specifico isolamento del cruscotto e delle porte, maggiore spessore dei cristalli (+11%), e con l'incapsulamento del motore. Passando alla funzionalità, si scopre che la panchetta è ribaltabile secondo lo schema 2/3-1/3 e il sedile del passeggero anteriore è completamente ripiegabile per ottenere un pianale completamente piatto che offre così il 15% di spazio in più. Il volume del bagagliaio va da 775 litri nella configurazione a 5 posti fino a 3.500 litri.
    Come un suv di gamma alta, nuovo Kangoo propone quattordici dispositivi di assistenza alla guida di serie per garantire una serenità di guida sempre maggiore. Molto utili il sistema di controllo di stabilità del rimorchio (Trailer Swing Assist), connesso all'ESC (controllo elettronico della stabilità) e il dispositivo di assistenza alla stabilizzazione in caso di colpo di vento.
    Di tutte le motorizzazioni previste - benzina 1.3 TCe FAP (100 e 130 Cv) e Diesel 1.5 Blue dCi (75, 95, 115 Cv) con trasmissione automatica EDC a 7 rapporti o trasmissione manuale a 6 rapporti abbiamo potuto valutare più che positivamente il propulsore 1.5 Blue dCi 95 Cv con cambio manuale a 6 rapporti che grazie agli ultimi sviluppi ed agli equipaggiamenti specifici (come pneumatici di classe A) permette di ridurre il consumo di carburante a valori decisamente interessanti sia per chi guida Kangoo con la famiglia o gli amici, o per lavoro. Il consumo in ciclo misto WLTP parte da 5.3 litri per 100 km con emissioni di CO2 contenute in 141 g/km.
    Inoltre, il sistema Eco Mode, azionabile dalla plancia, consente di ottenere un risparmio di carburante supplementare fino al 12%. La spia Gear Shift segnala al conducente quando è il momento ottimale per fare il cambio marce per un ulteriore risparmio fino al 5%. Prezzi per la Edition One a partire da 25.000 euro con motorizzazione TCe 100 a benzina e da 26.300 per quella con il Blue dCi 95 oggetto del nostro test. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie