Morand Cars, parte progetto svizzero hypercar da 400 km/h

Due versioni: ibrida plug-in 1200 Cv e full electric 2000 Cv

Redazione ANSA ROMA

La società svizzera Morand Cars - che fa capo a Benoît Morand figlio del noto specialista di motori da competizione Louis - ha annunciato un programma per portare sul mercato nel 2023 un'innovativa hypercar che sarà offerta nelle due versioni ibrida plug-in da 1200 Cv e full electric da 2000 Cv.
    Morand Cars ha annunciato una lunga serie di innovazioni high tech (tra cui le batterie ad alta densità energetica) che faranno di queste vetture la declinazione per il terzo millennio dei valori delle berlinette usate nelle grandi gare di durata, con prestazioni vicine alle Formula 1 e con una esperienza per il pilota completamente immersa e digitale. La Morand Phev sarà realizzata su una monoscocca in fibra di carbonio mentre la carrozzeria - disegnata da Soojin Hong - utilizzerà elementi un composito a base di fibre vegetali di lino noto come Amplitex.
    L'unità termica sarà un V10 aspirato da 5,2 litri (facile intuire la provenienza) capace di erogare 690 Cv e oltre 400 Nm di coppia.
    Questa unità sarà accoppiata a un motore-generatore elettrico tra il V10 e il cambio transaxle a sette velocità Xtrac. Morand Phev sarà inoltre dotata di un motore elettrico su ciascuna ruota anteriore con una potenza totale di circa 1.100 Cv e disporrà di una batteria ricaricabile da 4,5 kWh capace di fornire 50 km di autonomia 100% elettrica. Per quanto riguarda la variante completamente elettrica, la Morand Ev sarà dotata di quattro motori a magneti permanenti da 1.950 Cv complessivi e alimentati da un pacco batterie da 70 kWh.
    Le prestazioni fanno parte naturalmente di calcoli e 'promesse' e si parla di una velocità di punta di 400 km/h per la Phev e la Ev. Entrambe le varianti avranno un prezzo di circa 2,3 milioni di franchi svizzeri - pari a 2,1 milioni di euro - e saranno costruite in sole 73 unità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie