DBX by Lumma, kit per rendere cattivo il suv Aston Martin

Anche la Casa di Gaydon sta pensando a varianti più aggressive

Redazione ANSA ROMA

Che ricaduta ci sarà sui modelli di serie dal ritorno della Aston Martin in Formula 1? A livello tecnico dovranno certamente passare molti anni anche perché in entrambi gli ambiti quasi tutto viene gestito dal partner tecnologico Mercedes AMG.

Una cosa però è certa: negli uffici marketing a Gaydon le opportunità sono già state ampiamente esaminate, e i programmi procedono con una velocità da monoposto da corsa. Tra le molte possibilità vi è certamente quella di 'arricchire' i modelli Aston Martin di serie - DBX compreso - con elementi estetici e funzionali mutuati dalla F1, per realizzare quelle serie limitate che sono tanto apprezzate dai collezionisti.


Una involontaria anticipazione di questo 'mood' arriva dallo specialista britannico Lumma Design che - sulla base delle esperienze fatte nella rielaborazione di suv premium, principalmente Bmw, Mercedes e Land Rover - ha presentato una interessante variante dell'Aston Martin DBX. Un progetto nato evidentemente prima dell'annuncio del ritorno della Casa di Gaydon nella Formula 1 ma che è potenzialmente molto vicino ad una evoluzione del DBX, da alcuni criticato proprio per una mancanza di aggressività estetica. Il kit carrozzeria Lumma CLR AM, basato su numerosi elementi in fibra di carbonio, ottiene sostanzialmente l'effetto di allargare la carrozzeria del suv Aston Martin, di migliorare il suo 'impatto' a terra (accompagnato da una riduzione dell'altezza libera) e di cambiare la faccia del DBX con uno scudo rivisto efficacemente nelle prese d'aria e nelle appendici aerodinamiche. Osservando di lato il DBX by Lumma si nota poi l'effetto delle minigonne e degli archi passaruota allargati, elementi che contribuiscono a rendere più muscoloso l'aspetto complessivo.

La stessa Aston Martin, attraverso la divisione Q che all'interno della Casa automobilistica britannica si occupa delle personalizzazioni, aveva proposto nel marzo 2020 una versione 'cattiva' del DBX, che avrebbe dovuto essere esposta al Salone di Ginevra poi annullato. Lumma Design sta lavorando anche allo sviluppo di una serie di aggiornamenti del propulsore e del telaio per migliorare ancora le prestazioni offerte dal V8 biturbo da 4,0 litri, proveniente da Mercedes-AMG. Questo propulsore sviluppa 550 Cv e 700 Nm di coppia ed abbinato a un cambio automatico a 9 rapporti per una accelerazione 0 a 100 km/h in 4,5 secondi e una velocità massima di 292 km/h.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie