Volkswagen Golf GTI Clubsport 300 Cv, assetto grande novità

Debutta gestione elettronica della dinamica e dell'autobloccante

Redazione ANSA ROMA

Volkswagen aggiunge un'altra 'punta' alla agguerrita squadra della Golf ottava generazione. Dopo le recenti GTI, GTE e GTD arriva ora la variante prestazionale GTI Clubsport, una variante lanciata per la prima volta nel 2016 in occasione del 40mo anniversario dell'iconico modello sportivo della gamma Golf. La GTI Clubsport è una compatta ad alte prestazioni - si legge nella nota della Casa di Wolfsburg - che colpisce non solo per l'elevata potenza del motore, ma anche grazie a una nuova dinamica di guida. E ribadisce che con la nuova GTI Clubsport Volkswagen scrive il prossimo capitolo della storia di successo della Golf, vantando una ''eccezionale dinamica di guida''. Oltre che per la potenza di 300 Cv e per i 400 Nm di coppia, erogati da questa nuova versione del motore turbo EA888 evo, GTI Clubsport si distingue per il nuovo sistema Vehicle Dynamics Manager che integra attraverso la rete del veicolo la gestione del bloccaggio elettronico del differenziali (XDS) che è di serie.

A richiesta la GTI Clubsport può essere completata con il controllo adattivo del telaio. ''Il collegamento in rete di tutti i sistemi di gestione della dinamica di guida - ha detto Karsten Schebsdat, head of driving dynamics, steering and control systems di Volkswagen - significa che la nuova Clubsport si comporta in modo ancora più neutro e preciso della classica Golf GTI. Per la leggendaria pista del Nordschleife, abbiamo anche programmato un nuovo profilo del Nuerburgring, che adatta in modo specifico i componenti della nuova Golf GTI Clubsport a questo circuito''. Anche dal punto di vista estetico, questa versione evidenzia di essere un modello immaginato e realizzati anche per la pista, un vera Clubsport. Il frontale personalizzato è caratteristico ed 'emozionale' con lo scudo paraurti che sembra quasi aperto nella parte inferiore. Spiccano il rivestimento della griglia del radiatore a nido d'ape tipico dei modelli GTI e le ali aerodinamiche più grandi. Nella parte posteriore, GTI Clubsport cattura lo sguardo con l'esclusivo spoiler sul tetto in due parti, un elemento che - assieme allo spoiler anteriore - aumenta notevolmente il carico aerodinamico a tutto vantaggio della tenuta di strada e della possibilità di scaricare a terra l'elevata potenza. La Golf GTI Clubsport monta di serie cerchi in lega da 18 pollici e propone uno speciale diffusore in coda, un assetto ribassato di 10 millimetri e minigonne sottoporta più larghe che migliorano l'impressione generale di sportività.

Altra novità sono i doppi terminali di scarico ovali che sostituiscono la precedente versione tonda. Anche gli interni propongono diverse specificità Clubsport: è il caso dei sedili sportivi premium in ArtVelours, del volante racing con zone di presa in pelle traforata e paddle per il cambio a doppia frizione a 7 marce standard (DSG), dei pedali in look alluminio e di altri dettagli di finitura. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie