Touring Superleggera Aero 3, omaggio allo stile Anni '30

Serie 15 unità celebra epoca dell'innovazione aerodinamica

Redazione ANSA MILANO

Un omaggio all'epoca del design automobilistico dinamico, quello che vide la creazione di capolavori come l'l'Alfa Romeo 8C 2900B Berlinetta Aerodinamica e la Bmw 328 Mille Miglia Touring Coupé. Il reveal della nuova Touring Superleggera Aero 3 - che sarà esposta dal 23 al 25 settembre al Salon Privé al Blenheim Palace nel Regno Unito - non vuole infatti 'replicare' su una meccanica modernissima e iper-performante (la donor car è la Ferrari F12) le linee e le emozioni delle fuoriserie degli Anni '50, quanto piuttosto applicare le grandi intuizioni di quel tempo alla contempraneità automobilistica.

 

 

''Touring Aero 3 è la nostra dimostrazione di resilienza, di voglia di riscatto e di gratitudine - precisa Salvatore Stranci, nuovo general manager di Touring Superleggera - E' una rivalsa dopo i primi due mesi dell'anno hanno messo a dura prova l'intero settore automobilistico. Sono grato alla gnerosità, alla dedizione e alla abnegazione dei miei collaboratori, delle maestranze di ogni reparto e dipartimento. Presentiamo con orgoglio una anteprima mondiale con tre unità vendute delle quindici che verranno prodotte''.

Il riferimento di Stranci è alla lunga gestazione di questa fuoriserie, che avrebbe dovuto essere esposta in marzo al Salone di Ginevra e che per l'emergenza Covid-19 è stata completata solo ora con grande soddisfazione del primo cliente che ha espressamente chiesto di personalizzarla con il numero 19 (nessun riferimento alla pandemia) come la vettura chegreggiò a Le Mans nel 1938 pilotata da Raymond Sommer e Clemente Biondetti. ''L'Aero 3 è la nostra visione di come sarebbe oggi lo stile aerodinamico degli Anni '30 - spiega Louis de Fabribeckers, direttore centro stile dell'azienda - Touring è famosa per le sue carrozzerie leggere che fondono stile ed efficienza aerodinamica. Per noi era importante visualizzare l'incarnazione futura di questo filone chiave del nostro DNA. A questo proposito, l'Aero 3 condivide molto la sua anima con le interpretazioni moderne che abbiamo fatto attorno al tema dell'Alfa Romeo Disco Volante''.

Spicca, nella Aero 3, la grande pinna posteriore che riporta alla cosiddetta 'profilatura al vento' che venne studiata dalla Carrozzeria Touring che, per prima negli Anni '30, utilizzò i test nella galleria del vento per avere riscontro delle teorie aerodinamiche dell'epoca. ''La pinna nasce come prolungamento naturale ed estremizzante della forma a goccia dell'abitacolo - spiega de Fabribeckers - ed è evocativa dei primi studi compiuti da Touring, pur non avendo una funzione aerodinamica in sé''.

Realizzata interamente in carbonio, la carrozzeria è il risultato di oltre 5.000 ore di lavoro, e riveste l piattaforma della Ferrari F12 da 740 Cv, auto di cui Aero 3 mantiene anche l'architettura elettrica ed elettronica. L'abitacolo è un trionfo di artigianalità, con vasta presenza delle pelli Foglizzo che si sposano perfettamente con i rivestimenti in fibra di carbonio. Prevista una produzione in serie limitata ad altri 14 esemplari con tempi di consegna di 6 mesi dal momento in cui il cliente fornisce la 'donor car' alla Touring.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie