Mercedes GLA 200 Automatic, vero suv per le avventure urbane

Bastano due ruote motrici e un parco turbo benzina da 163 cv

Andrea Silvuni MILANO

Lo slogan della nuova campagna di comunicazione che Mercedes ha varato per il suo GLA recita 'Designed for the wilderness. Enjoyed in the city' che può essere tradotto come 'Progettato per il deserto. Si gode in città'. Una affermazione più che condivisibile dopo un breve contatto - in tempi di post-lockdown - con la versione GLA 200 163 Cv benzina a due ruote motrici, perché contestualizza la destinazione di questo modello di accesso alla gamma dei suv della Stella a Tre Punte nella realtà dei fatti, cioè l'uso quotidiano in città. I boschi, a Milano come in molte altre metropoli, diventano 'verticali' e (purtroppo) il deserto da affrontare è quello di zone un tempo popolarissime - un esempio su tutti: i parcheggi attorno agli aeroporti - e non certo disseminato di dune.

Mercedes GLA mette però a disposizione del guidatore e dei passeggeri tutte le positive ricadute del DNA delle sue antenate, tra cui l'iconica Classe G, praticamente immutata dal 1979 ad oggi, e il primo suv Classe M arrivato sul mercato nel 1997. L'evoluzione rispetto al predecessore è notevole e porta moltissimi vantaggi anche in città e nel traffico urbano, e davvero pochi svantaggi (come invece accade con altri pseudo suv) in termini di visibilità, accesso a bordo, manovrabilità e percezione degli ingombri.

Anche il look della carrozzeria, muscolare e ben piantato a terra, evidenzia un carattere molto più forte rispetto al modello precedente. A questo risultato contribuiscono elementi di design tipici dei veri offroad come il frontale verticale, gli sbalzi corti davanti e dietro e le protezioni su tutti i lati. Belli anche i poderosi cercini lega da 18 pollici, equipaggiati nella versione utilizzata per il test con pneumatici 235/55 R18, che rendono ancora più 'importante' questo modello con motorizzazione benzina 1.4 di accesso alla gamma. Alto 161,6 cm con i mancorrenti sul tetto, vale a dire oltre 10 cm in più del predecessore, GLA offre una posizione più alta dei sedili, lascia una perfetta visuale in tutte le direzioni e garantisce anche maggiore spazio per la testa sopra ai due sedili anteriori. Dietro, si apprezzano un maggiore spazio per le gambe (nonostante il suv compatto abbia perso 1,5 cm in lunghezza) e una corretta sensazione di 'libertà' di movimento.

Mercedes GLA compie un passo in avanti anche per ciò che riguarda l'assistenza al guidatore e la sicurezza. Il pacchetto degli ADAS è stato infatti ampliato e comprende ora la funzione di assistenza di svolta, quella di corridoio di emergenza, il sistema di prevenzione degli urti laterali in presenza di ciclisti o veicoli che si avvicinano e la segnalazione delle persone sulle strisce pedonali. GLA è in grado di reagire quando non lo fa il guidatore e questo aspetto si apprezza soprattutto quando il sistema di assistenza alla frenata attivo interviene in molte situazioni con una frenata autonoma per scongiurare una collisione o mitigarne la gravità. Fino a circa 60 km/h il sistema frena per evitare anche veicoli fermi o pedoni che stanno attraversando. La versione Sport Plus oggetto del test propone di serie - oltre ai citati cerchi in lega da 18 pollici a 5 doppie razze - la protezione paracolpi anteriore e posteriore cromata lucida, i rivestimenti interno delle porte in nero zigrinato con inserto decorativo cromato e le mascherine dei terminali di scarico a vista. Di livello elevato anche il confort grazie al climatizzatore bizona, che in abitacolo si aggiunge al doppio display (guidatore e centrale) touchpad con MBUX, Hotspot Wifi, radio digitale e smartphone integration.

Promosso a pieni voti, proprio per l'uso cittadino - ma con la possibilità scatenarsi anche sulle statali e in autostrada alla ricerca di improbabili deserti di sabbia - il motore turbo benzina M282 prodotto dalla MDC Power GmbH di Koelleda (Germania) di proprietà della Daimelr AG e caratterizzato da una cilindrata di 1.332 cc. Questa moderna unità a iniezione diretta con rasatura variabile eroga 163 Cv e 250 Nm di coppia massima, ben sfruttabili grazie al cambio automatico a doppia frizione con 7 rapporti. La dolcezza di funzionamento è elevata, mentre potrebbe essere migliorata la silenziosità sotto forte carico.

Con questo motore, che consuma secondo l'omologazione Euro 6d soltanto 6,0/5,7 litri per 100 km (anche grazie alla presenza delle sole ruote motrici anteriori) la Mercedes GLA 200 raggiunge una velocità di punta di 210 km/h ed emette 131-130 g/km di CO2. Prezzo della versione provata 42.120 euro. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie