Mercedes Classe A, debutta a maggio la compatta hi-tech

Sistema MBUX consente a guidatore di 'parlare' con l'auto

di Nuviana Arrichiello

SPALATO - Dalle previsioni meteo e traffico, alla chiamata ad un amico, passando ancora per la possibilità di modificare le impostazioni del climatizzatore o di predisporre l'apertura del tetto, tutto semplicemente avviando un comando vocale. Si chiama MBUX (acronimo di Mercedes Benz User Experience) il sistema di infotainment introdotto per la prima volta dalla casa della Stella sulla quarta generazione di Classe A. Sta tutta in questa evoluzione tecnologica, la principale novità dell'ultima versione della compatta Mercedes - da maggio sul mercato - che dal 1997 ad oggi è stata venduta in oltre 3 milioni di esemplari. Grazie all'Intelligenza Artificiale, il nuovo sistema, che consentirà agli automobilisti di parlare con la propria auto con la stessa semplicità con la quale oggi si interpella uno smartphone, oltre a rispondere ai comandi attivati attraverso l'espressione 'Hey Mercedes', è capace di memorizzare il tono di voce e le abitudini quotidiane di chi guida riuscendo a riproporsi come un vero e proprio assistente personale, registrando appuntamenti, telefonate e percorsi da sottoporre all'attenzione del conducente.

Tra le altre particolarità vi sono, a seconda degli allestimenti, la plancia ad alta risoluzione con display widescreen e comandi touchscreen del display multimediale, la navigazione con tecnologia della realtà aumentata e i comandi vocali intelligenti. Inoltre è disponibile anche un display head-up. Con la nuova generazione di infotainment debuttano nuovi servizi Mercedes me connect e ne vengono perfezionati altri. Tra questi vi sono le funzioni di navigazione sulla base della comunicazione Car-to-X (informazioni da veicolo a veicolo su avvenimenti rilevati da sensori) e il tracking del veicolo, che facilita la ricerca dell'auto parcheggiata e invia un messaggio nel caso in cui l'auto sia stata urtata o rimorchiata.

''Abbiamo deciso di introdurre questa tecnologia sulla più piccola della casa - ha spiegato il direttore marketing di Mercedes Benz Italia, Cesare Salvini - perché ci siamo focalizzati sul target di riferimento di questa vettura, un pubblico giovane che ha sempre visto il proprio smartphone come l'oggetto del desiderio a cui è impossibile rinunciare''.

Ed è proprio ai più giovani, infatti che si rivolge la nuova Classe A, che tende a mettere il guidatore al centro, facendogli vivere un'esperienza di guida rilassata anche grazie ad una serie di dispositivi di assistenza alla guida che semplificano la vita a bordo: da giugno infatti Classe A monterà i sistemi previsti già sulle ammiraglie Classe E e Classe S.

Esteticamente il design degli esterni sottolinea il purismo abbinato al dinamismo, due concetti alla base della filosofia dello stile di Stoccarda. Rispetto al passato, il pianale è nuovo ed il passo allungato crea una linea ancora più filante.

Le sospensioni posteriori possono essere di due tipi: a ruote interconnesse oppure multilink (per le versioni top di gamma). Gli interni esprimono lusso e raffinatezza, nell'abitacolo si ha la sensazione di essere in una cabina di regia hi-tech.

Nucleo centrale è il display sospeso sulla plancia che è disponibile in tre versioni: con due display da 7 pollici (17,78 cm), con un display da 7 pollici e uno da 10,25 pollici (26 cm) e con due display da 10,25 pollici. Al momento del lancio sono disponibili tre motori: i benzina A 200 da 163 cv (da 30mila o 32mila euro a seconda se si sceglie per il cambio manuale o automatico) e A 250 con cambio a doppia frizione 7G‑DCT (224CV) da 39mila euro mentre per il diesel la scelta si focalizza sulla versione A 180 d con cambio a doppia frizione 7G‑DCT (116CV) in vendita a partire da 29.900 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie