India impone uso plastica riciclata per costruire autostrade

Pavimentati 703 km con mix nel bitume di 6-8% rifiuti recuperati

Redazione ANSA ROMA

Il Governo indiano, attraverso una iniziativa del ministro dell' unione per il trasporto stradale e le autostrade Nitin Gadkari, ha emanato nuove linee guida per l'uso obbligatorio della plastica di scarto nel rinnovo periodico delle pavimentazioni stradali sulle autostrade nazionali entro 50 km dalle periferie di tutte le città con popolazione di oltre 500mila abitanti.
    Già avviata dal 2016 per volontà di Gadkari, questa procedura prevede l'uso del 6-8% di materiale plastico opportunamente lavorato e proveniente dal recupero dei rifiuti, mescolato alla restante parte di bitume tradizionale. Da allora, questa plastica di recupero è stata utilizzata nella costruzione di strade in 11 Stati indiani, per un totale di 703 km.
    Secondo il rapporto del Central Pollution Control Board (CPCB), nel 2018-19 in India sono state generate 3,3 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, ovvero circa 9.200 tonnellate al giorno. Il rapporto afferma che la produzione totale di rifiuti solidi urbani è di 55-65 milioni di tonnellate e, di conseguenza, quelli di plastica ne rappresentano circa il 5-6%.
    L'iniziativa di Gadkari viaggia in parallelo con quanto stabilito in India per regolamentare a livello generale l'uso della plastica. Il ministero dell'ambiente, delle foreste e dei cambiamenti climatici dell'Unione ha presentato un progetto di regolamento sulla gestione dei rifiuti di plastica che propone il divieto di produzione, importazione, stoccaggio, distribuzione, vendita e utilizzo di specifici prodotti monouso di plastica dal 1 gennaio 2022. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie