Buick Electra concept su piattaforma Ultium solo per la Cina

Presentato a Beijing, prefigura crossover EV da produrre in loco

Redazione ANSA ROMA

General Motors ha costruito una solida presenza nel mercato cinese con il marchio Buick, offrendo prodotti 'giusti' con una strategia correttamente dimensionate sui gusti e le esigenze di quella clientela e potendo contare sulla produzione in loco attraverso SAIC-GM, la società cinese in joint venture che ha permesso l'espansione di GM. In occasione di Auto China a Beijing la Casa di Detroit ha mostrato con il concept Electra una importante anticipazione del futuro di Buick - anche in questo caso immaginato e progettato per la Cina - che incorpora i più recenti sistemi di propulsione elettrica di GM e le batterie Ultium. Electra è un crossover a quattro posti basso e sportivo, con porte a farfalla e elementi futuribili - si legge nella nota - che sono ''ispirati a una capsula spaziale''. Spicca in Electra, oltre alle ruote da 23 pollici, l'uso della piattaforma con le batterie Ultium che ''sblocca nuove entusiasmanti possibilità sull'aspetto dei futuri veicoli elettrici - ha affermato Molly Peck, direttore esecutivo delle vendite e del marketing di Buick presso SAIC-GM - ''con il risultato di aver creato uno spazioso guscio interno in vetro situato in una scocca aerodinamica a forma di ala''. Le porte si aprono con il riconoscimento facciale e, una volta entrato, il guidatore si trova di fronte a un display head-up a realtà aumentata e alla navigazione live-view come parte dell'interfaccia multischermo. Il volante è retrattile e i sedili sono sospesi su una struttura separata. C'è perfino uno skateboard integrato nello scudo posteriore ''per espandere le opzioni di mobilità personale degli utenti''. GM ha precisato che Electra ha un'autonomia di oltre 660 km per carica e che grazie al doppio motore da 583 Cv può arrivare da fermo a 100 km/h in soli 4,3 secondi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie