Volvo assicura mobilità green alla spedizione Alpi 2020

Le plug-in XC60 e XC40 per fotografare e monitorare i ghiacciai

Redazione ANSA ROMA

Due Volvo XC60 T8 Plug-in Hybrid e una XC40 T5 Plug-in Hybrid, tutte rigorosamente di colore bianco, accompagneranno da da venerdì 24 luglio fino alla metà di settembre il team di Alpi 2020, la spedizione fotografico-scientifica che conclude il progetto 'Sulle tracce dei Ghiacciai'. Le auto garantiranno le esigenze di mobilità ecosostenibile ai fotografi e agli studiosi impegnati nella spedizione, chiamata a realizzare immagini il progetto che in dieci anni di attività ha generato il più grande archivio mondiale di confronti fotografici sui principali ghiacciai del Pianeta a testimonianza lo stato di salute della Terra. Ma anche a permettere la raccolta di dati scientifici sulla condizione dei ghiacciai alpini, spostandosi - fin dove possono arrivare i veicoli - tra Monte Bianco, Gran Paradiso, Monte Rosa, Bernina, Ortles-Cevedale, Adamello, Dolomiti e Alpi Giulie.

Durante il viaggio delle Volvo XC60 T8 Plug-in Hybrid e XC40 T5 Plug-in Hybrid la spediizione Alpi 2020 realizzerà anche eventi finalizzati a sensibilizzare il pubblico sul tema dei cambiamenti climatici. Con analoga finalità, dopo la conclusione della spedizione, è prevista una fase di divulgazione con particolare attenzione alle scuole e ai giovani. Da tempo impegnata sul fronte della diffusione della cultura in senso lato e di temi fondamentali quali il rispetto per l'ambiente e la sostenibilità, Volvo Car Italia sostiene l'iniziativa Alpi 2020 sulla base di una evidente condivisione di valori. In tal senso, la tecnologia plug-in hybrid che caratterizza oggi la gamma Volvo e della quale sono dotate le auto utilizzate nella spedizione garantisce emissioni allo scarico estremamente ridotte risultando cosi rispettosa dell'ambiente. La tecnologia plug-in hybrid costituisce di fatto un elemento fondamentale della strategia di elettrificazione della gamma Volvo, che ha nei veicoli full electric l'espressione più compiuta. L'elettrificazione dei veicoli è per Volvo condizione indispensabile per arrivare a una mobilità sostenibile a lungo termine e rispettosa del pianeta e delle sue risorse. Entro il 2025 Volvo Cars intende arrivare ad una quota del 50% delle vendite globali complessive con modelli esclusivamente elettrici; azzerare l'impatto sul clima delle proprie attività produttive globali; utilizzare materiali riciclati per almeno il 25% delle parti in plastica di tutte le nuove Volvo. Il tutto con l'obiettivo di arrivare ad un impatto neutro sul clima entro il 2040.

L'impegno di Volvo Cars sul fronte della sostenibilità non riguarda solo il fronte automotive. L'azienda negli ultimi due anni si è impegnata attivamente per ridurre l'utilizzo di plastica in tutte le sue sedi operative, un processo che ha portato alla progressiva eliminazione degli oggetti monouso in plastica da tutti gli uffici, le mense e gli eventi in tutto il mondo. A livello locale. Volvo Car Italia - insieme alla propria rete delle concessionarie - ha inoltre provveduto fra il 2018 e il 2019 alla posadi18cestini Seabin 'mangia-plastica' in altrettanti porti dei mari e dei principali laghi del nostro Paese, un contributo importante al contenimento dell'inquinamento delle acque da materiali plastici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie