Bologna: Ztl ambientale, ecco depliant con novità

Da gennaio rivoluzione in centro storico, 'Sarà svolta verde'

Redazione ANSA BOLOGNA

Stanno partendo in questi giorni i primi depliant inviati dal Comune di Bologna ai residenti del centro storico per illustrare le novità della Ztl ambientale.
    Una vera e propria rivoluzione della mobilità, che scatterà a partire da gennaio con la revisione dei requisiti di accesso al cuore della città, non più basati solo sul criterio di residenza. "Il clima sta cambiando ed è responsabilità della Pubblica Amministrazione andare avanti verso una svolta verde in modo regolato e deciso", ha sottolineato il sindaco Virginio Merola: "Questa misura durerà per 5 anni e non daremo incentivi ad acquistare altre auto, ma aiuti di altro tipo".
    Dal 2020 lo stop toccherà ai veicoli Euro 0, dal 2021 agli Euro 1 e così via fino agli Euro 5 diesel nel 2025. In cambio (ma le misure non riguardano chi ha un Isee inferiore ai 14mila euro), l'amministrazione ha varato i bonus mobilità, una serie di contributi fino a mille euro da utilizzare per trasporto pubblico, taxi, car e bike sharing. Inoltre, d'accordo con Tper e Legambiente, già da ottobre i cittadini avranno a disposizione l'aiuto di un 'personal mobility manager': un esperto di mobilità che studierà i percorsi abituali delle famiglie che si rivolgeranno a lui e individuerà le soluzioni alternative all'uso dell'auto. Per maggiori informazioni sono stati attivati anche un numero verde (800694994), un servizio whatsapp (3290635298) e la mail ztlambientale@tper.it. Un'altra novità riguarderà al scomparsa delle vetrofanie per la sosta e dei contrassegni 'R', che diventeranno virtuali e, dunque, non sarà più necessario esporli sui parabrezza. L'ultimo incentivo è, invece, dedicato agli over 70: se nel nucleo familiare al quale appartengono sono stati revocati tutti i contrassegni, potranno scegliere tra un abbonamento gratuito per 10 anni al trasporto pubblico o lo stesso bonus mobilità.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA