Mercedes rinuncia al turbodiesel 1.5 dCi di origine Renault

Rimpiazzato in Classe A e B, CLA e GLA da unità della Stella

Redazione ANSA ROMA

Nuovo 'screzio' nel matrimonio tecnologico e industriale fra Renault e Daimler con l'abbandono nei modelli Mercedes del turbodiesel 1.5 dCi di origine franco-giapponese. Questa modifica nei programmi di fornitura, che interessa le Classe A, Classe B, CLA e GLA con denominazione 180 d, conferma lo stato di 'crisi' fra l'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi e il Gruppo tedesco e che secondo alcuni media specializzati potrebbe portare a breve ad una totale separazione nei programmi industriali e di sviluppo tecnologico. Il noto motore turbodiesel 1.5 dCi dell'Alleanza veniva utilizzato nelle Mercedes fin dal 2012 - cioè dalla precedente generazione delle compatte - e ora sarà sostituito dal 2.0 di progettazione e costruzione 100% tedesca, rimodulato a 116 Cv di potenza (la stessa del Renault 1.5 dCi) ma con 280 Nm di coppia, grazie anche alla maggiore cilindrata, rispetto ai 260 dell'unità dell'Alleanza. Più moderno anche il cambio automatico a 8 rapporti, mentre nell'edizione Renault veniva fornito con un automatico a 6 rapporti, ma - incredibilmente - con emissioni di CO2 superiori: fra 129 e 146 g/km contro il 115/134 del dCi, cosa questa che in Francia comporterà per le Mercedes 180 d un malus di 330 euro, mentre prima ne erano esenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie