Audi,la gamma A5 conta ora su motori mild-hybrid performanti

Disponibile in tre versioni, 24 le varianti a listino

Redazione ANSA ROMA

Per il prossimo anno la gamma Audi A5 può contare su motorizzazioni ancora più efficienti e performanti grazie all'estensione dell'omologazione WLTP 3.0, al rafforzamento dell'offerta mild-hybrid - oltre il 70% dei propulsori sono MHEV a 12 o 48 Volt - e a potenze più elevate. Disponibile in tre declinazioni - Audi A5 Coupé, Audi A5 Sportback e Audi A5 Cabriolet - l'auto può contare 24 varianti a listino, delle quali ben 17 - il 71% dell'offerta - con tecnologia mild-hybrid a 12 o 48 Volt. Beneficiano dell'omologazione Euro 6 d-ISC-FCM (WLTP 3.0) le motorizzazioni 2.0 (45) TFSI quattro S tronic MHEV 12 Volt, ora forte di 265 CV contro i precedenti 245 CV, e 2.0 (40) g-tron 170 CV S tronic a metano, riservata ad Audi A5 Sportback. Un'ulteriore novità è costituita dal quadricilindrico 2.0 (40) TFSI S tronic, portato da 190 a 204 CV. Dedicato a tutte le configurazioni di carrozzeria in gamma, è disponibile nelle versioni a trazione anteriore oppure quattro con tecnologia ultra. Il sistema mild-hybrid a 12 Volt garantisce, al resto della gamma MHEV, i vantaggi in termini di mobilità e fiscalità connessi con l'omologazione ibrida. Quanto all'offerta Diesel, si rinnova il propulsore 2.0 (40) TDI quattro S tronic che ora eroga 204 CV - contro i precedenti 190 CV - e 400 Nm di coppia. Cuore del sistema mild-hybrid a 12 Volt è l'alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) collegato all'albero motore che, nelle fasi di decelerazione, recupera energia, successivamente immagazzinata nella specifica batteria agli ioni di litio e veicolata ai dispositivi integrati nella rete di bordo. Quando il conducente rilascia il pedale dell'acceleratore in un ampio range di velocità, Audi A5 Coupé, Audi A5 Sportback e Audi A5 Cabriolet 2.0 (40) TDI quattro S tronic MHEV 12V possono avanzare per inerzia (veleggiare) a motore acceso o spento. Il campo d'azione del sistema start/stop risulta ampliato e la riaccensione del propulsore avviene in modo particolarmente rapido e pressoché impercettibile. Audi A5 Sportback 2.0 (40) TDI 204 CV quattro S tronic scatta da 0 a 100 km/h in 7,0 secondi e raggiunge una velocità massima di 242 km/h. Il rinnovato motore Diesel rientra anch'esso nei valori limite previsti dalla normativa antinquinamento Euro 6 d-ISC-FCM (WLTP 3.0). Un obiettivo cui concorre il sistema SCR twin-dosing con doppia iniezione d'urea, funzionale per l'abbattimento degli ossidi di azoto (NOx). La soluzione a base di urea, nello specifico, viene iniettata a monte dei due catalizzatori SCR disposti in serie. Audi A5 Coupé, Audi A5 Sportback e Audi A5 Cabriolet 2.0 (40) TDI 204 CV adottano il cambio a doppia frizione S tronic a sette rapporti e la trazione integrale quattro con tecnologia ultra. La catena cinematica opera in modo particolarmente efficiente, attivando la ripartizione della coppia al retrotreno solo quando necessario e seguendo una logica d'intervento sia reattiva sia predittiva. In termini di motricità e comportamento dinamico non viene rilevata alcuna differenza rispetto ai sistemi permanenti. Grazie al contenimento delle emissioni cui concorre il sistema mild-hybrid a 12 Volt, Audi A5 Coupé e Audi A5 Sportback 2.0 (35) TDI 163 CV S tronic nell'allestimento d'ingresso accedono agli incentivi 2020. Un vantaggio condiviso da Audi A5 Sportback 2.0 (40) g-tron 170 CV S tronic che in configurazione entry level può ottenere un bonus sino a 3.500 euro con la rottamazione, 1.750 euro senza rottamazione. L'incentivo, nel caso della Sportback a metano, si affianca all'omologazione monovalente della vettura: garantisce l'esenzione totale o parziale sia dal pagamento della tassa automobilistica (bollo auto) in molteplici Regioni d'Italia, sia dai blocchi del traffico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie