Pirelli e Bmw a sostegno della foresta Indonesiana

Progetto con BirdLife per produzione gomma naturale sostenibile

Redazione ANSA MILANO

Pirelli e BMW Group sono a fianco di BirdLife International in un progetto di produzione a lungo termine di gomma naturale sostenibile e deforestation-free in Indonesia, dove quel tipo di coltivazione rappresenta una delle storiche fonti di reddito per la popolazione locale. La Ong che lavora per conservare la biodiversità, gli habitat e gli uccelli, sarà supportata dai due nuovi partner nelle sue azioni a favore delle comunità locali, della conservazione dell'ecosistema naturale e della protezione delle specie di animali a rischio della foresta indonesiana.
    Nella foresta pluviale di Hutan Harapan (Isola di Sumatra), in un'area protetta di 2.700 ettari in cui vivono circa 1.350 specie animali, saranno sviluppate iniziative per proteggere i diritti fondiari dei farmer e quelli delle donne. Le diverse attività, spiega una nota, saranno realizzate in coerenza con gli obiettivi della Global Platform of Sustainable Naturale Rubber (GPSNR), la piattaforma multistakeholder per lo sviluppo sostenibile del business della gomma naturale, di cui Pirelli, BMW Group e BirdLife International sono membri fondatori. La partnership fa parte di un percorso comune dei due gruppi per la sostenibilità della gomma naturale. Proprio in questo ambito, infatti, Pirelli ha progettato e prodotto il primo pneumatico al mondo, un Pirelli P ZERO, certificato Forest Stewardship Council (FSC), equipaggiando la nuova BMW X5 Plug-in-Hybrid, divenuta pertanto la prima auto al mondo a montare pneumatici con tale certificazione. Il programma triennale prevede molteplici attività, tra cui quelle 'agroforestale' per ottimizzare il rapporto tra produzione, diversificazione del reddito grazie a differenti coltivazioni sulla stessa area, conservazione della biodiversità, fertilità del suolo, capitalizzazione sulle risorse in ottica circolare e carbon sequestration. Punta a organizzare corsi di formazione dedicati ai piccoli farmer sulle migliori pratiche di coltivazione e gestione della piantagione, a supporto dell'ambiente, della produttività e del miglioramento delle condizioni di vita e lavoro degli smallholder. Per le donne ci saranno degli workshop dedicati per sviluppare capacità gestionali anche nell'ottica di possibili nuovi ruoli. In generale monitoraggio e controllo diretto dell'area forestale, attraverso guardie, droni e tecnologie di controllo satellitare, censimento e monitoraggio delle specie animali più a rischio come la tigre di Sumatra, il gibbone agile e i due uccelli "bucero dall'elmo" e "fogliarolo verde maggiore", con il coinvolgimento della comunità locale in ruoli attivi di protezione della foresta e della biodiversità. Non ultimo la creazione di una società cooperativa di coltivatori di natural rubber per consentire una fornitura diretta di gomma naturale dalle comunità agli stabilimenti di lavorazione della gomma nella regione; introduzione di documentazione per la tracciabilità della gomma dalla piantagione al processatore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie