1000 Miglia 2021 rigorosi protocolli dedicati alla sicurezza

Accessi limitati alle aree protette e controlli temperatura

Redazione ANSA BRESCIA

Come già accaduto per l'edizione dell'anno scorso, che si è svolta senza problemi nell'ottobre del 2020, anche per la 1000 Miglia 2021 gli organizzatori hanno attivato un rigoroso protocollo dedicato alla tutela della sicurezza e della salute di chi parteciperà, a qualunque titolo, alla manifestazione.
    A Brescia il numero degli ingressi agli spazi ad accesso controllato (le 'Aree Protette') come il paddock, il villaggio e l'area di partenza e arrivo, è stato ridotto a circa 1/3 della ricettività abituale. Pur garantendo una capienza sufficiente per il regolare svolgimento delle diverse attività, l'entrata sarà consentita solo dopo aver superato i controlli e le verifiche previsti dalle disposizioni della Federazione Sportiva e nel rispetto dei limiti di capienza imposti.
    All'ingresso di ciascuna area dell'evento saranno posizionati portali di 'people counting' per la valutazione numerica in tempo reale dei flussi in entrata e uscita. In nessuna area protetta sarà superato il numero di accessi consentiti in contemporanea. Inoltre operatori di sicurezza, hostess e steward avranno il compito di verificare la temperatura corporea a distanza, controllare il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, il rispetto della distanza interpersonale e l'igienizzazione delle mani.
    Figure specifiche di Covid Manager e di componenti dedicati nel team 1000 Miglia allo svolgimento del servizio di assistenza, sono incaricati del controllo della temperatura corporea. Nel caso che questa sia superiore a 37,5° attiveranno le procedure vigenti in materia di sicurezza e sanità, tra cui il trasferimento della persona in uno spazio riservato.
    Infine, le norme sugli equipaggi: se composti da persone non conviventi dovranno indossare la mascherina anche a bordo della vettura di gara. Le stesse regole valgono per gli accompagnatori e per tutti coloro che viaggiano a bordo di auto ufficiali al seguito.
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie