RM Sotheby's Milano, asta milionaria per gioielli Made Italy

Ci saranno Ferrari 275 GTB ex Jane Fonda e prototipo Lancia 037

Redazione ANSA ROMA

L'esclusiva location di Palazzo Serbelloni, in corso Venezia a Milano, ospiterà a partire da domenica 13 giugno, un evento speciale che la grande Casa d'aste RM Sotheby's ha organizzato per in concomitanza con la settimana della 1000Miglia (16-19 giugno) per aggiungere una 'ghiotta' occasione ai collezionisti che tradizionalmente arrivano in Italia, è più precisamente in Lombardia, in occasione della 'Freccia Rossa'.
    Come fanno nelle grandi gioiellerie di Parigi, Londra e New York, il cortile di Palazzo Serbelloni - trasformato in vetrina milionaria - ospiterà pochi pezzi, di grande valore e grande rarità, con i bolidi di Maranello in primo piano. Uno dei pezzi più interessanti di questa asta è certamente la Ferrari 275 GTB 'muso lungo' telaio 08641, che è appartenuta a Roger Vadim e poi a Jane Fonda, sua terza moglie. La stima, da partirà l'asta, è 2-2,5 milioni di euro ma vista la rarità di questa vettura, immatricolata nel 1966, ci si attendono probabili rilanci da capogiro.
    E non sfigurano certo la Ferrari 250 GT/L telaio 4563, certificata da Ferrari Classiche, il 65mo esemplare prodotto sui 350 totali (stima 1,4-1,8 milioni di euro). Sotto i riflettori anche la 250 GTE 2+2 Serie III del 1963 numero di telaio 4541, la 365 GTB/4 Daytona telaio 16853 di colore giallo (stima 550-650mila euro) e la Dino 246 GTS valutata 380-420mila euro.
    L'evento di Palazzo Serbelloni, nella volontà degli organizzatori, vuole essere una celebrazione del migliore Made in Italy motoristico. Accanto alle auto di Maranello, sono dunque molti in percentuale i lotti che propongono vetture in Tricolore: si spazia dalla Alfa Romeo Giulietta Spider del 1959 (valutazione 90-120mila euro) che ha partecipato alla 45esima edizione della Targa Florio
con i piloti Mario Tropia e Giuseppe Parla, come testimonia il numero 22 ancora su cofano e fiancate.
   

Per arrivare in tempi più moderni a due Alfa da corsa davvero rare, la 155 TS BTCC con cui ha gareggiato Gabriele Tarquini e la 155 V6 Ti - con livrea Martini - che Nicola Larini portò alla vittoria nel Campionato ITC al Mugello e a Interlagos. Per la prima la stima è di 300-400mila euro, per la seconda di 700-800mila euro. Restando tra le vetture da competizione altri due gioielli sono la Ferrari 348 GT Competizione Michelotto (stima 260-360mila euro) e la Ferrari 550 GT1 Italtecnica.
    Questa vetture - telaio 11581 - ha partecipato al Campionato FIA GT 2001 con Naspetti e Schiattarella ed è stimata attorno a 2 milioni.
    I collezionisti di auto da rally si contenderanno certamente la preziosa (perché unica) Lancia 037 prototipo del 1980 - nota come Lancia Abarth SE037 - che è servita per sviluppare il modello costruito poi in 262 esemplari, partendo da una Lancia Beta Montecarlo. La valutazione per questa vettura perfettamente restaurata e conservata è adeguata: 700-900mila euro. Ed è probabilmente una occasione unica la possibilità di partecipare all'asta per una delle 36 Alfa Romeo 6C 2500 Super Sport Villa d'Este mi prodotte, stimata d RM Sotheby's 575-675mila euro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie