CinemAlfa, drive-in virtuale dedicato alle star del Biscione

Organizzato con Museo Fratelli Cozzi e Museo Fisogni di Tradate

Redazione ANSA MILANO

E' iniziato il drive-in virtuale organizzato dal Museo Fratelli Cozzi e dal Museo Fisogni di Tradate, con l'imprescindibile consulenza dell'Associazione CinemAlfa, e dedicato a film imperdibili dove le automobili Alfa Romeo rubano la scena agli attori protagonisti. La collaborazione tra il Museo Fratelli Cozzi (che custodisce a Legnano un'importante collezione composta da almeno un esemplare per ogni modello prodotto dall'Alfa Romeo a partire dal 1950) e l'Associazione CinemAlfa, si è allargata oggi con l'ingresso del Museo Fisogni di Tradate, che conserva oggetti unici al mondo relativi a stazioni di servizio e società petrolifere.

La prima puntata della rassegna CinemAlfa è stata dedicata a un film cult, 'Milano-Palermo, solo andata' del 1995 dove accanto da un cast che unisce diverse generazioni di attori italiani (Giancarlo Giannini, Stefania Sandrelli, Tony Sperandeo, Raoul Bova, Ricky Memphis, Romina Mondello, Rosalinda Celentano, Francesco Benigno, Stefania Sandrelli, Stefania Rocca, Tony Sperandeo, Valerio Mastandrea, Paolo Calissano ) hanno un ruolo primario l'Alfa 75, accanto a 164 Q4 e Alfa 33.

Grande protagonista della seconda puntata è invece l'Alfa GT, che condivide il 'catellone' nel film francese 36 Quai des Orfèfres con attori del calibro di Daniel Auteuil, Gérard Depardieu e Valeria Golino. Uscito nel 2004 ricorda nel titolo l'indirizzo della sede generale della Polizia Criminale a Parigi famosa anche per le vicende del Commissario Maigret. Fanno da sfondo al film anche una 147 ed una 166 sempre come auto 'in divisa'.

Imperdibile anche la terza 'proiezione' virtuale al drive-in Fratelli Cozzi/Fisogni/CinemAlfa: è il capolavoro Bianco Rosso Verdone (1981) diretto ed interpretato da Carlo Verdone. La star del Biscione in questo caso è l'indimenticata Alfasud rossa, con antenna a frusta e sedili in pelliccia con cui Verdone/Pasquale viaggia dalla Germania a Matera per recarsi a votare. ''Nelle pellicole cinematografiche - spiegano al Museo Fisogni, che è ospitato nella splendida Villa Castiglioni - le stazioni di servizio sono più presenti di quanto si possa pensare. Dai classici di Hitchcock ai cult come 'Ritorno a Futuro', dai cinepanettoni ai film di James Bond, non è affatto raro che vi sia una scena ambientata in un benzinaio''. Oltre a commentare i film proposti dalla rassegna e descrivere le splendide Alfa che compaiono nelle produzioni, si potranno quindi scoprire online anche numerose curiosità sulle stazioni di riferimento, con spunti interessanti e divertenti che stupiranno certamente i gli spettatori. L'Associazione CinemAlfa è nata nel 2011 per unire la passione per la cinematografia nazionale e l'amore per le Alfa Romeo. Unica nel suo genere, è anche Centro Studi per chi vuole approfondire la cultura cine-automobilistica con particolare riferimento alle pellicole le cui protagoniste sono le Alfa Romeo. I soci hanno la possibilità di partecipare con le proprie vetture alla realizzazione di film, serie televisive e pubblicità. Le sedi in provincia di Bergamo e Bari ospitano alcune vetture del marchio ed una ricca ed interessante galleria fotografica, locandine, libri, oggettistica e documentazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie