Terre di Canossa, torna ad aprile la classica di regolarità

La decima edizione è dedicata al Medioevo e a Matilde di Canossa

Redazione ANSA MILANO

Torna in scena il Terre di Canossa, gara di regolarità per auto classiche, che quest'anno è dedicata al Medioevo. Per festeggiare la decima edizione, in scena dal 16 al 19 aprile prossimi, l'organizzazione di Canossa Events ha scelto di dedicare l'evento di quest'anno al tema del Medioevo, che rappresenta le radici del territorio attraversato dal percorso di gara. Sarà quindi un'edizione ricca di suggestive location storiche, un'occasione unica per percorrere le strade delle terre matildiche e rivivere l'affascinante atmosfera tipicamente medievale di quest'area, attraversando territori dal passato celebre, parte del regno guidato dalla Gran Contessa Matilde di Canossa, Regina d'Italia nel XII Secolo. Il giovedì, dopo le verifiche sportive nel centro storico di Salsomaggiore Terme, la serata di gala si svolgerà per la prima volta nella cornice del Castello di Tabiano, costruito dalla famiglia Pallavicino nel X Secolo. Venerdì, dopo le prove in circuito a Varano, i partecipanti valicheranno gli Appennini attraverso il passo della Cisa, per poi attraversare il centro di Pontremoli sostando per il pranzo all'interno dei fastosi saloni del Castello di Filattiera. La giornata proseguirà con la discesa verso il Tirreno e, guidando sulle strade delle incantevoli Cinque Terre, si giungerà nello storico Arsenale Militare di La Spezia, dove le auto sfileranno al cospetto degli storici vascelli della Marina Militare Italiana. Il Golfo dei Poeti, celebrato da poeti di ogni epoca, accoglierà gli equipaggi al cospetto del Castello di Lerici nel cuore del meraviglioso borgo marinaro, fino a concludere la giornata a Bocca di Magra e poi a Forte dei Marmi. Lucca rappresenta il cuore della tappa del sabato, con l'imperdibile passaggio nel centro storico e la sfilata sulle antiche mura, patrimonio UNESCO, normalmente chiuse al traffico e aperte unicamente per il passaggio delle meravigliose auto storiche di solo due eventi: il Terre di Canossa e la Mille Miglia.

Dopo aver affrontato le curve del Monte Serra, si sfilerà al cospetto della Certosa di Calci e poi via, sulle strade del Circuito del Montenero, teatro delle epiche sfide tra Nuvolari, Varzi e Moll. Il percorso passerà anche per uno dei tratti più spettacolari della Via Aurelia, reso famoso da Vittorio Gassman, alla guida della sua Lancia Aurelia B24, nel grande film Il Sorpasso. Il tempo per rilassarsi a Forte dei Marmi e sulla spiaggia più bella della Versilia e poi, domenica, la chiusura in bellezza: un tuffo nei territori della Garfagnana e le impegnative curve del Passo delle Radici anticiperanno la bandiera a scacchi di fronte alla storica Rocca del Boiardo nel cuore di Scandiano.

L'evento sarà come sempre limitato a un massimo di 100 vetture per mantenere i più alti standard di ospitalità e il suo unico mix di lifestyle, panorami, ricercata enogastronomia e sfide al centesimo.

La gara si svolge su un percorso di circa 600 km complessivi e prevede 6 prove di media e 71 sfidanti prove a cronometro.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie