Fedeltà al marchio in Usa, prima Genesis seconda Maserati

Per studio S&P Global Mobility Tridente supera addirittura Tesla

Redazione ANSA ROMA

In un momento in cui la fedeltà degli automobilisti Usa al proprio marchio si sta erodendo, vista la percentuale degli abbandoni che passa dal 4,5% al 46,3% nel segmento del lusso e dal 2,7% al 52,1% nel segmento mainstream, lo studio annuale S&P Global Mobility riserva una piacevole sorpresa per il Made in Italy.
    Secondo l'edizione 2022, che tiene conto degli acquisti di auto nuove effettuate negli Stati Uniti fra il gennaio 2020 e lo scorso aprile, le uniche tre Case ad aver fatto segnare un aumento dell'indice di fedeltà sono Tesla, Maserati e Genesis.
    Secondo quanto riferisce The Detroit Bureau, citando un rapporto di Automotive News, Tesla mantiene una posizione significativa nell'ambito di questo atteggiamento dei clienti, con un aumento del 4% dell'indice di fedeltà.
    Ma ciò che più impressiona è che Maserati - la cui presenza è relativamente limitata nel mercato Usa - ha visto crescere questa percentuale al 4,3%, valore che le permette il sorpasso di Tesla e la conquista del secondo posto nello studio S&P Global Mobility alle spalle di Genesis, il brand premium di Hyindai, che è salita addirittura all'8,5%.
    Gli altri marchi presi in considerazione dallo studio hanno tutti fatto segnare percentuali in negativo: Bmw è calata del 2,3%, seguita da Acura (brand premium di Honda) con il 2,7% e da Lexus con il 4,8%. In forte diminuzione Jaguar (5,1%), Infiniti (5,2%), Volvo (5,3%) e Cadillac (6,4%). Per un'ulteriore indicazione della fedeltà al marchio diventerà decisiva la pubblicazione dello studio annuale di JD Power entro la fine dell'anno.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie