Società & Diritti

Donne in rete, tribù digitali per reinventarsi un lavoro di successo

Disoccupazione femminile allarmante, community on line forma nuove imprenditrici

Cinzia Ferrari Bambolaia @Biz Academy © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 29 luglio 2021
  • 10:55

Secondo i dati ISTAT riferiti a dicembre 2020, gli occupati in Italia sono diminuiti di 101.000 unità di cui 99.000 sono donne: una situazione, quella della disoccupazione femminile, che è andata peggiorando con la pandemia, ma che già prima risultava allarmante. Infatti, secondo l’Eurostat 2019 sul 2018 il tasso di occupazione delle donne è inferiore a quello degli uomini (63% su 74% ) e il 31% delle donne occupate lavora part-time, contro il 9% degli uomini percependo uno stipendio del 16% in meno degli uomini dell’Unione europea, se si confronta la retribuzione lorda oraria media.
Con la diffusione digitale e la formazione on line in molte hanno in questi mesi cercato nuove strade lavorative magari facendo della propria passione un'impresa di successo. Tra le iniziative anche una community tutta femminile, Biz Academy, una accademia on line fondata da Cecilia Sardeo, che è arrivata ad accompagnare migliaia di donne in progetti di successo e di women empowerment. Combattere il gender gap e generare occasioni di formazione e collaborazione reciproca sono i valori di questa 'tribù' fatta di imprenditrici brillanti e sempre pronte a sostenersi a vicenda, nel nome della sorellanza e della solidarietà femminile.
É così che Alice ha fatto della sua passione per la cucina un lavoro, diventando oggi imprenditrice digitale di Cuocadè, il canale con cui insegna online ai bambini a cucinare divertendosi, coltivando fiducia, autostima e creatività. O come Cinzia, che ha lasciato il suo posto fisso da impiegata per diventare imprenditrice di se stessa con il progetto Cinzia Ferrari Bambolaia, come ama definirsi lei stessa, e insegnare attraverso gli strumenti digitali come realizzare bambole fatte a mano uniche al mondo, di ispirazione Waldorf.
“La sorellanza è veramente la parola chiave che caratterizza Biz Academy: non è solo un gruppo di donne, ma sono donne che si fanno e danno forza a vicenda. Non c’è odio, rivalità, astio. Cerchiamo insomma di dare alle ragazze consigli, skill e competenze concrete, anche attraverso partner digitali che selezioniamo preventivamente così da dare loro la possibilità di affidarsi ad aziende ed agenzie studiate per far decollare i loro business. Alla base di tutto c’è però sicuramente la formazione ” - commenta Cecilia Sardeo che è anche autrice del libro Insicure di Successo edito da Fabbri Editore, 2019. 

  • Redazione ANSA
  • 29 luglio 2021
  • 10:55

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie