Società & Diritti

L'anno orribile delle mamme lavoratrici, c'è allarme regressione

Resilienti da sempre, costrette a doppi turni rischiano un passo indietro sull'occupazione e su anni di progressi sociali

Una mamma al lavoro con una figlia sulle spalle (iStock) © Ansa
  • di Alessandra Magliaro
  • 10 maggio 2021
  • 16:35

Equilibriste, come le ha definite il report annuale di Save the Children, doppio turniste, triplosaltiste...le definizioni si sprecano ma alla fine raccontano con termini diversi la stessa cosa: le madri lavoratrici sono un gruppo resiliente da sempre, abituato a destreggiarsi tra responsabilità lavorative e tempo familiare più o meno con disinvoltura ma la pandemia COVID-19 ha costretto tutti questi milioni di donne a fare i conti sull'attitudine a pattinare tra lavoro e casa, tra le ambizioni professionali e le aspirazioni familiari. Se prima della crisi del Coronavirus stavano lentamente facendo progressi sul posto di lavoro, ora la sfida è su tutt'altro piano e l'occasione della 'Festa della mamma' domenica 9 maggio è l'occasione per parlarne. Il rapporto 2020 Women in the Workplace di McKinsey, condotto con LeanIn.Org, ha rivelato una statistica sorprendente: una donna lavoratrice su quattro in Nord America ha affermato che stava valutando la possibilità di cambiare carriera o di abbandonare completamente la forza lavoro. Per le madri lavoratrici, e in particolare quelle con bambini piccoli, il numero era di uno su tre. Sono dati americani ma non è improprio farli nostri nella tendenza sociale. La ricerca di McKinsey, uscita a inizio maggio 2021, incentrata sull'ultimo anno mostra quanto drammaticamente la pandemia abbia colpito le madri che lavorano. Hanno affrontato un "doppio turno" di responsabilità domestiche, problemi di salute mentale, un'esperienza di lavoro a distanza più difficile e preoccupazioni per il futuro e  i tassi di disoccupazione in aumento, in particolare tra le madri di colore e le madri single. Questi fardelli si aggiungono alle barriere strutturali per le donne che lavorano, incluso il gap di genere. Sappiamo che il progresso delle donne nella forza lavoro è importante; le aziende con più donne dirigenti hanno maggiori probabilità di sovraperformare quelle con meno donne senior. Le madri lavoratrici rappresentavano quasi un terzo della forza lavoro femminile negli Stati Uniti nel 2020, quindi i datori di lavoro non dovebbero ignorare o ridurre al minimo le difficoltà che milioni di donne devono affrontare ora.
La ricerca mostra che prima della pandemia, le madri lavoratrici avevano ambizioni di carriera simili alle donne che lavorano in generale. In effetti, i dati di Women in the Workplace del 2019 hanno indicato che le madri lavoratrici in Nord America sembravano registrare numeri di ambizione più elevati in diverse categorie chiave. Ma la pandemia ha alterato questa equazione: gli oneri aggiuntivi sul lavoro e a casa dall'inizio della crisi del COVID-19 hanno spinto circa il 33% delle madri lavoratrici a considerare di cambiare carriera o di lasciare del tutto il lavoro. In una forza lavoro che lotta per la parità di genere, un passo indietro rispetto all'occupazione - e un relativo calo dei tassi di promozione per le donne - può ribaltare anni di progressi.

La salute mentale ha subito un duro colpo
Le sfide per la salute mentale e il burnout sono emersi come problemi significativi per tutti i lavoratori durante la pandemia. Un sondaggio della Kaiser Family Foundation nel 2020 ha rilevato che il 45% degli americani ritiene che la crisi del COVID-19 stia danneggiando la propria salute mentale. A livello globale, l'impatto sulle donne è stato sorprendente: l'indagine ha mostrato che sia nei paesi avanzati che in quelli in via di sviluppo, le madri (al 75%) hanno maggiori probabilità dei padri (69%) di essere alle prese con problemi di salute mentale. In un sondaggio separato sull'esperienza dei dipendenti, McKinsey ha esaminato il modo in cui il lavoro a distanza stava influenzando i diversi gruppi e ha scoperto che l'impatto sulle madri lavoratrici rispetto ai padri lavoratori era netto. Le madri che lavorano a distanza hanno mostrato livelli di benessere molto inferiori rispetto ai padri che lavorano a distanza 

Il fardello del "doppio turno" cresce
Decenni di ricerche dimostrano che le donne svolgono un numero significativamente maggiore di lavori domestici e di assistenza all'infanzia rispetto agli uomini, al punto che si dice spesso che le donne che lavorano a tempo pieno lavorino un "doppio turno". Ora, le donne, e le madri in particolare, stanno assumendo un carico ancora più pesante. Le madri hanno una probabilità tre volte maggiore rispetto ai padri di essere responsabili della maggior parte dei lavori domestici e dell'assistenza durante la pandemia. In effetti, hanno 1,5 volte più probabilità dei padri di dedicare altre tre o più ore al giorno ai lavori domestici e all'assistenza all'infanzia. Le madri single hanno dovuto affrontare carichi ancora maggiori: il 10% in più di madri single dichiara di spendere tre o più ore al giorno in più per i lavori domestici e l'assistenza all'infanzia rispetto alle madri in generale. Nemmeno le madri che lavorano vengono riconosciute per il tempo speso. E l'onere dell'assistenza domiciliare si sta riversando sul lavoro. Quasi un quarto delle madri ha dichiarato di essere preoccupato che le proprie prestazioni lavorative venissero giudicate negativamente a causa delle loro responsabilità di assistenza, rispetto all'11% dei padri.

Il potenziale cresce per la perdita di carriera a lungo termine
Gli effetti regressivi di genere causati dalla pandemia COVID-19 danneggiano non solo la sicurezza economica immediata per milioni di donne e le loro famiglie, ma anche la crescita economica a lungo termine e la stabilità sociale, secondo una ricerca del McKinsey Global Institute. Negli Stati Uniti, le perdite di posti di lavoro legate alla pandemia hanno colpito in modo sproporzionato minoranze, donne e altri lavoratori vulnerabili

Come possono rispondere le aziende
Durante questa crisi, le istituzioni hanno aumentato le risorse per aiutare i lavoratori, comprese le madri, ad affrontare le sfide più impegnative. Tuttavia, poiché lo stress e il burnout legati alla pandemia continuano nel secondo anno, i datori di lavoro non devono togliere questi sostegni: le madri lavoratrici hanno bisogno di supporto, in particolare per quanto riguarda l'assistenza all'infanzia, la flessibilità della vita lavorativa e le revisioni delle prestazioni. Bisogna adattare le politiche e i programmi relativi alla custodia dei bambini. Queste politiche non dovrebbero essere viste come azioni di emergenza a breve termine durante la pandemia, ma piuttosto come aggiustamenti a lungo termine. La necessità di una maggiore flessibilità nella vita lavorativa è il problema numero uno sollevato da uomini e donne sul lavoro e le aziende hanno risposto aumentando la flessibilità negli ultimi cinque anni. La necessità di flessibilità sul lavoro è cresciuta solo durante la pandemia. Secondo la ricerca McKinsey, le madri che lavorano a distanza che segnalano una gestione del tempo più efficace e flessibilità degli orari, entrambi indicatori chiave dell'equilibrio tra lavoro e vita privata, hanno una probabilità tre volte maggiore di quelle che riferiscono di avere uno stato di benessere positivo rispetto a quelle che segnalano l'inefficienza del lavoro e la rigidità del programma. essere. I dipendenti con bambini piccoli hanno maggiori probabilità di preferire principalmente modelli di lavoro a distanza e luoghi di lavoro flessibili. Il contesto culturale intorno al congedo di paternità sta cambiando, poiché sempre più paesi e aziende offrono il vantaggio ai nuovi padri. In tutto il mondo, 90 paesi su 187 offrono un congedo di paternità retribuito per legge, con quasi quattro organizzazioni su dieci che forniscono congedi retribuiti al di sopra del minimo richiesto. Ma nonostante questo cambiamento di sostegno, meno della metà dei padri ammissibili nei paesi OCSE usufruisce dei benefici offerti loro.

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie