/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Loach, non dobbiamo cedere alla propaganda di Le Pen e Meloni

Loach, non dobbiamo cedere alla propaganda di Le Pen e Meloni

Al Locarno Film Festival in Piazza Grande con The Old Oak

LOCARNO, 08 agosto 2023, 15:55

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

 "Noi esseri umani sappiamo ancora essere buoni vicini con chi è in difficoltà. Non siamo di natura ostili verso l'altro, e il senso di solidarietà nell'accogliere un'altra comunità può ancora prevalere. Tutto questo andrebbe messo insieme perché è più forte dell'estrema destra. Possiamo sconfiggere la loro propaganda, non dobbiamo cedere a quella di Le Pen o del capo del governo in Italia, Meloni". Lo ha detto il regista Ken Loach in conferenza stampa con l'amico e sceneggiatore Paul Laverty al Locarno Film Festival dove presenta in Piazza Grande The Old Oak, che aveva debuttato in gara a Cannes e prossimamente in Italia con Lucky Red. Con il film il cineasta britannico torna nel nord dell'Inghilterra, nell'impoverita contea di Durham, andata in crisi dopo la chiusura delle industrie pesanti e delle miniere di carbone. Si racconta il conflitto che nasce nella comunità locale con l'arrivo di un gruppo di rifugiati siriani, fra i quali ci sono Yara (Ebla Mari) e la sua famiglia. Fra chi è disposto ad aiutare ed accogliere i nuovi arrivati c'è Tj (Dave Turner) proprietario del pub locale, l'Old Oak, uno dei pochi luoghi di incontro rimasti in una zona, sempre più degradata e svuotata di opportunità. "La classe governante - aggiunge il regista - favorisce la disperazione, l'assenza di speranza. Ti dicono che non ci sono alternative. Per questo incoraggiano il razzismo. Se biasimi i migranti non te la prendi con loro per la situazione in cui vivi". Invece "mantenere la speranza è fondamentale per produrre il cambiamento". Fra i temi dell'incontro a Locarno anche un suo possibile ritiro dall'attività di cineasta: "Arriva un momento in cui devi riconoscere la realtà degli anni che passano… è già una buona giornata se non vedi il tuo nome tra i necrologi - scherza -.
    Non penso che farò un altro film come questo, forse qualcosa di più piccolo, o un documentario… non lo so".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza